Mondo

Fai sentire la tua voce con l’UNICEF: “Imagine” un mondo migliore per i bambini

By 21 Novembre 2014 No Comments

Al via il progetto #IMAGINE: l’UNICEF invita tutte e tutti gli aspiranti pop star a unirsi a Hugh Jackman, Katy Perry,Angélique Kidjo, Priyanka Chopra, Yoko Ono e David Guetta per cantare Imagine di John Lennon e contribuire a diffondere la consapevolezza sui diritti dell’infanzia.

john-lennons-imagine-lyricsRoma, 20 novembre – Nel corso di un evento musicale presso l’Assemblea generale delle Nazioni Unite che si tiene oggi, l’UNICEFpresenta il progetto #IMAGINE nell’ambito delle celebrazioni per il 25° anniversario della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Il progetto #IMAGINE riunisce gli artisti Yoko Ono, celebre produttrice musicale e il DJ David Guetta, gli Ambasciatori UNICEF – tra cui Katy Perry, Angélique Kidjo, Daniela Mercury, Priyanka Chopra, Yuna Kim – e molti altri sostenitori di alto profilo con l’obiettivo di creare un momento unico nella storia della musica che sottolineerà le gigantesche sfide che i bambini affrontano nel mondo. Una nuova esperienza digitale interattiva, alimentata da TouchCast, permetterà alle persone comuni di registrare la propria versione di Imagine, l’inno-icona di speranza e pace di John Lennon, al fianco delle loro star preferite, che l’UNICEF si augura sarà il più grande appuntamento canoro a livello globale. Queste singole registrazioni, e quelle degli Ambasciatori dell’UNICEF e di altri artisti, saranno in una versione multilingue del “mondo”Imagine, prodotto da David Guetta.
Tutti coloro che registrano la canzone hanno la possibilità che la loro voce e il video vengano utilizzati per la nuova versione dell’UNICEFdi Imagine e nel video musicale interattivo di accompagnamento, realizzati da TouchCast e TheBridge.co – entrambi saranno lanciati per San Silvestro 2014. “La Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza ci ha chiesto di immaginare un mondo migliore per i bambini – e invita tutti noi a rendere questa visione una realtà”, ha detto il Direttore Generale dell’UNICEF Anthony Lake. “Il progetto #IMAGINE dà alle persone in tutto il mondo la possibilità di far parte di un movimento globale per i bambini, portando avanti le proprie idee, le proprie visioni e, non ultime, le proprie voci per migliorare i diritti di tutti i bambini, ovunque il mondo.” I partecipanti #IMAGINE possono condividere la loro registrazione della famosa canzone di Lennon con amici e familiari sui social media e incoraggiare anche gli altri a cantare Imagine. Possono inoltre registrare messaggi personali su come immaginano sarebbe un mondo migliore per i bambini. “Un sogno che si sogna da soli può essere un sogno, ma un sogno che due persone sognano insieme è una realtà”, ha detto Yoko Ono.  I partecipanti avranno anche la possibilità di donare all’UNICEF. I fondi raccolti attraverso il progetto #IMAGINE sosterranno i programmi dell’organizzazione per istruzione, nutrizione, salute e vaccinazioni, acqua potabile e servizi igienico-sanitari, protezione e aiuti di emergenza per i bambini in oltre 150 paesi e territori. “Sono davvero entusiasta di lavorare con l’UNICEF per questo incredibile nuovo progetto. La nostra versione del “mondo” di Imagine sarà come nessun’altra – sono orgoglioso di far parte di questa collaborazione “, ha detto Guetta. “Dobbiamo diffondere il messaggio che ogni voce e ogni bambino contano.” L’evento presso l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite prevede esibizioni live della vincitrice del Grammy Award Angélique Kidjo, della cantautrice brasiliana Daniela Mercury, della popolarissima svedese-iraniana Laleh, del violoncellista Trey Lee di Hong Kong, del musicista nigeriano Don Jazzy e di Kristian Kostov, vincitore del russo The Voice. Anche il Golden Globe e vincitore del premio Emmy Hugh Jackman, Yoko Ono e Björn Ulvaeus degli ABBA potranno fare una speciale apparizione durante l’evento.

L’esperienza digitale #IMAGINE sarà disponibile tramite l’applicazione TouchCast per iOS su App Store il 20 novembre o su http://imagine.unicef.org

Lascia un commento