ExpoinCittà. Presentato oggi il programma del 24° Festival di Milano musica “Bruno Maderna e l’umanesimo possibile. Percorsi di musica d’oggi 2015”

By 1 ottobre 2015Italia

:”“Milano Musica conferma la sua importanza nel panorama culturale milanese con questa nuova edizione dedicata a


MadernaMilano, 1 ottobre 2015 – Il 24° Festival di Milano Musica, realizzato in collaborazione con il , incentra la programmazione su “Bruno Maderna e l’umanesimo possibile”, in un quadro multiforme che nella ricchezza di temi e percorsi mostra l’inesauribile vitalità e necessità dello slancio ideale di Maderna, con aperture di rilievo al teatro musicale e alla danza (con produzioni internazionali al Piccolo Teatro Strehler e al Teatro dell’Arte). “Milano Musica conferma la sua importanza nel panorama culturale milanese con questa nuova edizione dedicata a Bruno Maderna – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno –. Un’edizione di buon auspicio per la nostra Città perché dedicata a una figura, quella appunto di Bruno Maderna, che ha vissuto lo straordinario fervore artistico della Milano degli anni Cinquanta che speriamo assomigli sempre di più a quello della Milano di oggi e di domani”. Bruno Maderna (Venezia 1920, Darmstadt 1973) è figura di primo piano nel panorama dell’avanguardia musicale del secondo dopoguerra. All’attività di compositore affiancò il ruolo di direttore d’orchestra, determinante quanto insostituibile nella conoscenza e nella diffusione della musica contemporanea. Il programma del Festival ne rilegge l’opera alla luce dell’utopia umanistica che ne anima il pensiero, e cerca tracce di quell’utopia nel panorama della musica di oggi. Al cuore della riflessione e della prassi artistica di Maderna stanno infatti l’uomo e la fiducia nella sua “rivoluzionaria” capacità di modificare i rapporti storico-sociali in direzione di una possibile fratellanza. Tale ampiezza di orizzonte e tale fiducia nell’uomo si estendono alla musica del passato, da Maderna riletta e trascritta lungo tutta la vita, influenzando generazioni di compositori, a partire da Luigi Nono e Luciano Berio. Con quest’ultimo Maderna fondò nel 1955 lo Studio di Fonologia Musicale della RAI di Milano, centro di ricerca e sperimentazione all’epoca fra i primi in Europa, esperienza che investe di una prospettiva umanistica l’entusiasmo per la nuova techne. La collaborazione con la Fondazione Teatro alla Scala si consolida e rafforza nel 2015 nella convergenza delle scelte artistiche: il Wozzeck di Alban Berg, in cartellone al Teatro alla Scala dal 29 ottobre al 13 novembre 2015, si pone in totale sintonia con il tema, in quanto opera che fu, secondo Adorno, “il primo modello di musica dell’umanesimo reale”. All’interno del ricco programma, consultabile sul sito www.milanomusica.org, Milano Musica rinnova la collaborazione con gli spazi milanesi dedicati alle arti figurative. Al Museo del Novecento sono previsti una mostra dedicata a Bruno Maderna, a cura di NoMus, e quattro incontri tenuti da Carlo Boccadoro, su Bruno Maderna e Armando Gentilucci, da martedì 6 ottobre a martedì 10 novembre, in un percorso parallelo e complementare ai concerti del Festival; mentre alle Gallerie d’Italia – Piazza Scala due appuntamenti con proiezioni di video storici attorno alla figura di Bruno Maderna, compositore e direttore d’orchestra. Sabato 10 ottobre con replica il 31, la preziosa versione televisiva del Wozzeck di Alban Berg per la regia di Joachim Hess, che Maderna diresse nel 1970 con i Philharmoniker Hamburg, precede di pochi giorni la prima al Teatro alla Scala del Wozzeck diretto da Ingo Metzmacher. Due, infine,  gli appuntamenti nell’ambito della stagione San Fedele Musica 2015/2016 del Centro Culturale San Fedele nel Doppio ritratto Bach-Scarlatti con due prime assolute: Chaconne Perspective per clavicembalo e chitarra elettrica con acusmonium (5 ottobre) e Sonate di Scarlatti e risonanze contemporanee per pianoforte e live electronics (9 novembre). Il Festival è realizzato grazie al contributo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Comune di Milano, Regione Lombardia; Intesa Sanpaolo è Sponsor istituzionale del Festival; inoltre, ha il sostegno di Fondazione Cariplo, Fondazione Banca del Monte di Lombardia, Fondazione Spinola, Fondazione Nuovi Mecenati, Ambasciata di Francia in Italia, Institut Français Italia, Expo2015: Austria, Forum austriaco di cultura, Goethe Institut Mailand, e altri sponsor. Milano Musica ringrazia per il generoso contributo i Sostenitori privati, i Soci di Milano Musica e l’Associazione Amici di Milano Musica.

Abbonamenti e biglietti per tutti i concerti sono in vendita nella biglietteria di Milano Musica presso la Biglietteria del Teatro alla Scala, piazza del Duomo, Galleria del Sagrato (MM Duomo) da lunedì 7 settembre a fine Festival, da lunedì a sabato (ore 12-18) e domenica 4 ottobre (ore 12-17).

Info Biglietteria 02 861 147, ore 12-18 (nei periodi di apertura) [email protected]


Lascia un commento