Arte & Cultura

Expoincittà, il 3 giugno in Sala Alessi il Bacio di Hayez protagonista delle “Conversazioni sull’arte”

By 31 Maggio 2015 No Comments

Un viaggio attraverso la storia dell’arte con sei protagonisti d’eccezione che raccontano le icone di ExpoinCittà e il loro legame con Milano

FPV Francesco Hayez Bacio MMilano, 31 maggio  – Dopo il grande successo della prima serata dedicata al Quarto Stato di Giuseppe Pellizza da Volpedo, ritornano a Palazzo Marino in Sala Alessi gli appuntamenti del ciclo “Sei conversazioni d’arte” sulle icone di ExpoinCittà per raccontare con competenza scientifica e al tempo stesso intento divulgativo le sei opere d’arte selezionate come le più rappresentative del patrimonio artistico milanese e scelte come “icone” di ExpoinCittà. Protagonista del secondo incontro, in programma il 3 giugno alle ore 21 nella Sala Alessi di Palazzo Marino, è l’opera icona del romanticismo italiano: il Bacio di Francesco Hayez. Fernando Mazzocca, tra i massimi specialisti dell’età neoclassica, conduce i partecipanti in un viaggio affascinante per svelare storie, aneddoti e curiosità intorno a uno dei capolavori della storia dell’arte, donati alla Pinacoteca dell’Accademia di Brera, dove è tuttora conservato ed esposto.
“Sei conversazioni d’arte” sulle icone di ExpoinCittà, progetto promosso dal Comune di Milano e curato da Marco Carminati, scandisce il semestre di Expo Milano 2015 con un appuntamento al mese, da maggio a ottobre. Ogni icona scelta rappresenta una declinazione di Milano: a place to BE, “il luogo dove stare”, il claim scelto dal Comune di Milano per accompagnare il calendario di ExpoinCittà. Sei concetti – BEginning, BEloved, BElong, BEside, BEyond e BElieve – associati a sei grandi opere a Milano che attraversano la storia dell’arte, raccontate da sei personalità di spicco, storici dell’arte di fama internazionale e grandi divulgatori, che si sono distinti per il loro impegno nella ricerca e nella valorizzazione del nostro patrimonio storico e artistico.

Il narratore


Fernando Mazzocca, dopo essersi formato alla Scuola Normale Superiore di Pisa, ha insegnato presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e l’Università Statale di Milano. Tra i massimi specialisti dell’età neoclassica,  dell’Ottocento e primo Novecento, ha pubblicato numerosi volumi e realizzato, a partire dal 1978, importanti mostre su movimenti e di carattere monografico, allestite presso le maggiori sedi espositive italiane, tra cui la Pinacoteca di Brera e il Museo Poldi Pezzoli a Milano, Palazzo Reale sempre a Milano, il Castello del Buonconsiglio a Trento, il Palazzo Ducale di Lucca, Palazzo Zabarella a Padova, la Galleria Borghese a Roma, i Musei di S. Domenico a Forlì, le Scuderie del Quirinale a Roma, le Gallerie d’Italia a Milano e il Musée d’Orsay a Parigi. La sua vasta produzione scientifica riguarda anche la storia del  collezionismo, la letteratura artistica  o i rapporti tra le arti e la letteratura, la musica.

 


Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]