ItaliaPrimo piano

“Eroina gialla”: la nuova droga che in Italia ha ucciso diciotto giovani


Questa sostanza è stata portata nelle piazze di spaccio italiane dalla mafia nigeriana. Il prezzo dello stupefacente è relativamente basso ma il suo effetto è potentissimo.

Sono 167 le persone che in Italia hanno perso la vita a causa di un’overdose di eroina. Questo stupefacente, il cui uso si è ridotto drasticamente negli anni ‘90, è di nuovo presente nelle piazze di spaccio e viene venduta in varie versioni, come “l’eroina gialla”. Questa sostanza è  più pura rispetto alla “normale eroina” e, per tale ragione, ha un principio attivo molto potente. L’assunzione dello stupefacente ha conseguenze devastanti sull’organismo , anche perché, spesso, gli spacciatori tagliano l’eroina gialla con analgesici e paracetamolo, in modo da aumentarne l’effetto. Questa droga è comparsa nelle piazze di spaccio italiane un anno fa e ha trovato particolare diffusione nelle regioni del nord, specialmente in Veneto e in Friuli-Venezia Giulia.

L’eroina gialla ha un prezzo relativamente basso rispetto alle altre droghe cosiddette “pesanti”, il che ha reso questo stupefacente particolarmente diffuso tra gli adolescenti, i quali possono acquistare i grammi necessari per una dose ad un prezzo che oscilla tra 10 e 20 euro. Finora, in Italia, sono 18 i giovanissimi morti per overdose di eroina gialla. L’ultima ad aver perso la vita è stata la 16enne Alice Boros. Il 3 ottobre 2018, il corpo senza vita della ragazza è stato trovato nei bagni della stazione di Udine. Secondo la polizia, questo nuovo tipo di stupefacente è stato portato in Italia dalla mafia nigeriana che, per cercare di conquistare le piazze di spaccio, ha deciso di offrire “prodotti” di qualità superiore come l’eroina gialla. Numerose sono state le operazioni condotte dalla polizia per combattere la diffusione della sostanza. L’ultima, conclusasi pochi giorni fa, ha portato all’arresto di 320 persone.

Lascia un commento