Diritti umani

EGITTO: nuovo giro di vite per terrorizzare la società civile

By 26 Luglio 2019 No Comments

Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH), Istituto del Cairo per gli studi sui diritti umani (CIHRS)e Organizzazione mondiale contro la tortura (OMCT) denunciano arresti immotivati a danno di attivisti per i diritti umani

Almeno 83 persone, tra cui attivisti dell’opposizione politica, giornalisti e difensori dei diritti umani, sono state arrestate in Egitto per accuse di terrorismo dal 25 giugno per le loro presunte implicazioni in un complotto contro lo Stato. FIDH, l’Organizzazione mondiale contro la tortura (OMCT) e l’Istituto del Cairo per gli studi sui diritti umani (CIHRS) denunciano questo nuovo giro di vite e chiedono alle autorità egiziane di porre immediatamente fine a qualsiasi atto di molestia, anche a livello giudiziario, contro tutti gli attivisti pacifici, in particolare oppositori politici e difensori dei diritti umani in Egitto.

L’ex membro del Parlamento e l’avvocato per i diritti umani Zyad al-Elaimy è stato arrestato il 25 giugno 2019 da una dozzina di agenti di sicurezza nazionale in borghese dopo aver lasciato la casa di un amico nel distretto di Maadi al Cairo, verso le 2 del mattino. Altre sette figure di opposizione politica sono state arrestate nella stessa notte. In una dichiarazione, il Ministero degli Interni ha accusato senza riscontri il sig. Zyad al-Elaimy e gli altri detenuti di essere coinvolti in un piano finanziato dal leader dei Fratelli Musulmani – che è stato bandito e dichiarato un’organizzazione terroristica in Egitto nel 2013 – all’estero “per portare azioni violente e disordinate contro le istituzioni statali contemporaneamente alla creazione di uno stato di slancio rivoluzionario ”.

“Il Sig. Zyad al-Elaimy è stato coinvolto nella creazione di un movimento che riunisce partiti politici e movimenti sociali in un’agenda per i diritti umani ”, ha affermato Neil Hicks, Senior Director for Advocacy di CIHRS. Le autorità egiziane, trasmesse dai media ufficiali, lo hanno ribattezzato “Piano di speranza” e hanno accusato ingiustamente i presunti sostenitori del terrorismo che minerebbero la sicurezza dello Stato.


La detenzione preventiva del sig. Zyad al-Elaimy e degli altri detenuti è stata rinnovata dalla Procura di sicurezza dello stato da allora, in attesa di indagare sul caso di sicurezza dello Stato n. 930/2019, in cui gli imputati sono accusati di “impegnarsi con un gruppo terroristico per raggiungere i suoi obiettivi “e” diffondere false notizie e dichiarazioni “.

Il signor Zyad al-Elaimy è stato detenuto in isolamento per 14 giorni dopo il suo arresto, e ora è detenuto nella prigione di Tora, dove le sue condizioni di carcerazione hanno un impatto negativo sulla sua salute: pur essendo asmatico e soffrendo di ipertensione e una rara malattia dell’immunità, attualmente è detenuto in una stanza di 4,8 mquadrati con altri due detenuti, con solo una piccola finestra nella cella, attaccata al soffitto.

“Condanniamo fermamente l’arresto arbitrario e le molestie giudiziarie di Zyad al-Elaimy e di altri attivisti detenuti ingiustamente, il che sembra mirare solo a sanzionarli per il legittimo esercizio dei loro diritti politici. Chiediamo alle autorità egiziane di rilasciare immediatamente tutti i detenuti “, ha affermato Gerald Staberock, segretario generale dell’OMCT.

Inoltre, le nostre organizzazioni sono state anche informate dell’arresto arbitrario alla fine di giugno / inizio luglio di numerosi difensori dei diritti umani nell’ambito del caso di sicurezza dello Stato n. 930/2019: Sig. Hassan Barbary, direttore esecutivo del forum egiziano per le relazioni sindacali, sig. Ahmad Taman, consulente e ricercatore dell’ILO presso l’Egiziano Labour Relations Forum, e Alaa Essam, contabile della stessa organizzazione. I tre sono attualmente detenuti e congelati. Anche la signora Fatma Ramadan, ricercatrice in affari del lavoro e sindacalista indipendente, è sotto congelamento delle attività.

“Questa nuova ondata di arresti è sintomatica della tendenza più ampia di molestie e detenzioni arbitrarie contro attivisti politici e difensori dei diritti umani in Egitto, che si è materializzata negli ultimi mesi con il re-arresto di Haytham Mohamadein, l’arresto e il successivo rilascio di Malak al-Kashif, la sparizione forzata in corso di Mr. Ibrahim Ezz El-Din e la detenzione arbitraria in corso, tra gli altri, dei signori Mohamed Ramadan e Shadi al-Ghazali ”, ha concluso Alexandra Poméon, capo dell’Osservatorio per Protezione dei difensori dei diritti umani presso FIDH.

Lascia un commento