Divina (Ln) , via libera di Delrio a Valdastico nord

By 7 Gennaio 2016Politica

Valdastico, Delrio toglie le castagne dal fuoco: finalmente per il Trentino il via libera all’autostrada occasione di sviluppo 

divinaRoma, 7 gennaio – “Dobbiamo plaudere al ministro Graziano Delrio che con garbo a Trento ha detto chiaramente che l’autostrada A31 Valdastico Nord si farà”. Così Sergio Divina, vicecapogruppo al senato per la Lega Nord,  in una nota stampa.” È utile, è strategica, è prevista nelle opere del piano europeo, è un impegno nazionale verso l’Europa. E così mette il   cuore in pace anche al PD Trentino da sempre, e inconcepibilmente, strenuo oppositore del suo completamento”“Senza dirlo, ma facendolo capire che l’opera è una contropartita del rinnovo della concessione autostradale del Brennero, – spiega Divina-  ha fatto così digerire il boccone amaro ai fautori del “NO” a priori, a tutti i contrari a qualsiasi visione di sviluppo che passa attraverso reti di infrastrutture efficienti ed efficaci, siano strade o ferrovie o, ancora, reti telematiche. Ora, dopo quarant’anni di attesa, siamo fiduciosi che si potrà completare il corridoio di comunicazione verso il Veneto, che facendo risparmiare kilometraggi e tempi, comporterà solo positive ricadute per l’economia e lo sviluppo del Trentino”. “La Giunta provinciale, – continua Sergio Divina –  inoltre, dovrebbe sfruttare al meglio la decisione del ministro Delrio per ampliare maggiormente le ricadute positive sul territorio trentino: in questo contesto, dovrebbe chiedere lo sbocco della Valdastico a Rovereto Sud (che a differenza di altre comunità, quella di Rovereto si è detta disponibile a farsi carico dell’infrastruttura) e non Besenello o Trento sud. Inoltre, visto che le casse dell’Autonomia trentina non hanno più le disponibilità di un tempo, il via libera del Trentino all’A31 a Rovereto Sud potrebbe legarsi con la richiesta di realizzare contestualmente (sempre a carico della concessionaria A31) il raccordo stradale tra Mori e Arco attraverso un’arteria a scorrimento veloce in grado di soddisfare le esigenze del traffico turistico e commerciale per gli anni a venire, oltre che per assicurare trasferimenti veloci stradali pensando anche alle emergenze (esempio le ambulanze che dovranno collegare l’ospedale di Arco a quello di Rovereto evitando di ricorrere per ogni urgenza all’impiego dell’elicottero). Un collegamento serio, non un progetto di corto respiro dettato dalle scarse disponibilità finanziarie come quello ultimamente avanzato dall’assessore GilmozziDopo anni di mancate decisioni, spero vivamente che Rossi e la sua Giunta siano in grado di dare una sterzata al governo dell’Autonomia trentina, utilizzando a tutto vantaggio del Trentino i benefici che deriveranno dal completamento della Valdastico Nord”.


Lascia un commento