Connect with us

Diritti umani

Covid19, che fine hanno fatto le altre malattie?

Avatar

Published

on

Esistono patologie di base che possono agevolare l’azione del Covid19 in pazienti defedati portandoli alla morte. Ma nel rispetto per le persone decedute, e verso medici ed infermieri, non si deve scrivere “morto per Covid” se non se ne ha l’assoluta certezza.

di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario generale Cisl Medici Lazio.

Quando una infezione batterica o virale colpisce persone per lo più anziane affette da patologie croniche quali il diabete, l’insufficienza renale, la cardiopatia ischemica, l’ipertensione, il quadro clinico, spesso già precario, tende a complicarsi e ne può derivare la morte del soggetto.

Che ci siano queste patologie di base poco conta perché non fanno titolo sui giornali. Ma il rispetto per queste persone decedute, e anche il rispetto che si deve a medici ed infermieri, fa sì che non si debba scrivere “morto per Covid” se non se ne ha l’assoluta certezza. E’ chiaro che se non fosse subentrato questo virus ad indebolire quel corpo umano le varie malattie concomitanti, la comorbidità, avrebbero magari pur consentito a quella persona un ulteriore periodo di vita con indefinibile durata. Ma il Covid ha fatto precipitare un equilibrio forse non troppo stabile. E da qui il titolo sui giornali, la battuta ad effetto del tuttologo di turno, l’interpretazione del dato che viene stiracchiato da una parte o dall’altra a seconda della posizione che si vuole rappresentare o, peggio, a seconda degli interessi in campo. Interessi che ogni giorno che passa si scoprono essere non trascurabili visto l’uso e consumo quotidiano di mascherine nella popolazione, guanti, dispositivi di sicurezza, test strumentali, prezzi elevati e chi ne ha più ne metta, appalti e gare comprese.

Quante volte abbiamo letto un titolo sul giornale “morto in ospedale per infezione da Escherichiacoli”? o Klebsiella pneumoniae, o Enterobacter, o Citrobacter freundii, o Pseudomonas aeruginosa, o Acinetobacter? Forse abbiamo letto della Legionella, termine sconosciuto ai più, e il titolo sul giornale è nato perché magari è arrivata una ispezione dei carabinieri del NAS per vederci chiaro.

Eppure le infezioni ospedaliere causano ogni anno in Italia decine di migliaia di decessi. Il dato in sé è clamoroso. L’infezione sembra originarsi, il più delle volte, perché negli anni è stata ridotta anche la spesa per l’igiene negli ospedali. Logica conseguenza l’aumento dei batteri resistenti, anche per l’eccessivo uso di antibiotici, ed il peggioramento delle condizioni degli ospedali che è un dato questo sotto gli occhi di tutti.

Nei capitolati di gara le frequenze sono previste quasi sempre solo per blocchi operatori e terapie intensive e non per i poliambulatori o le radiologie dove passano diverse centinaia di pazienti ospedalizzati e di utenti esterni al giorno.

Abbiamo perso il concetto di base contro le malattie infettive che è l’igiene personale sia degli operatori sia dei pazienti. In una settimana di ricovero quante volte viene fatto il bagno ai pazienti? Quante volte gli cambiamo le lenzuola? In un anno quante volte vengono lavati e sanificati i materassi?

Ma soprattutto in un turno di 8 ore il medico ed il personale sanitario quante volte si lavano le mani? Il personale indossa correttamente la divisa? Il copricapo è diventato un optional e magari siamo convinti che siccome indossiamo i guanti possiamo toccare tutto e tutti senza lavarci le mani.

Noi medici per decenni siamo stati convinti che sant’Antibiotico ci avrebbe salvato da tutte le infezioni ed invece ora per una broncopolmonite dobbiamo usare la bomba atomica perché gli antibiotici che abbiamo a disposizione troppo spesso servono a poco.
Va ripensata la formazione dei medici e dei cittadini, soprattutto delle mamme che per un semplice mal di gola o raffreddore riempiono i piccoli figli di antibiotici: in Italia l’automedicazione è molto spinta e le cause le conosciamo ma non interveniamo ne’ a livello centrale ne’ periferico.

In Italia serve come il pane un centro nazionale per il trattamento dei pazienti antibiotico resistenti.
Infatti secondo il Rapporto Osservasalute 2018, la mortalità causata dalle infezioni ospedaliere è passata dai 18.668 decessi del 2003 a 49.301 del 2016. L’Italia conta il 30% di tutte le morti per sepsi nei 28 Paesi della Unione Europea.
Eppure non si parla altro che di Covid. E intanto si allungano le liste di attesa, le Asl dispongono il blocco dei ricoveri ospedalieri in elezione. Il cancro non va in vacanza e continua a colpire le persone che però vedono ristretta la possibilità di un adeguato accesso alle cure in termini di tempistica. E non vanno in vacanza neanche le altre malattie.

Eppure, lo ripetiamo con il massimo rispetto per chi ci ha lasciato, si parla quasi solo di morte “per Covid”. Forse gli interessi in campo sono tali che neanche riusciamo ad immaginarli.

Lascia un commento
Continue Reading

Diritti umani

Che fantastica storia è la vita! Morian Taddei ed il dono dell’Orchestra Italiana del Cinema 

Avatar

Published

on

Un inaspettato regalo di compleanno per un musicista speciale: a donarglielo i colleghi dell’Orchestra Italiana del Cinema e gli amici più stretti attraverso una contagiosa operazione di crowdfunding che ha coinvolto la stessa azienda produttrice del regalo, la Triride Srl.

Il valore professionale si sposa allo spirito di squadra in una storia dal messaggio positivo che inaugura un nuovo anno, speriamo tutti migliore del precedente. Protagonista involontario ne è un musicista, che anni fa ha perso l’uso della mobilità, co-protagonisti dall’iniziativa concreta sono i suoi colleghi dell’Orchestra, che hanno coinvolto con un semplice ma mirato tam tam amici e un’azienda finora a loro sconosciuta per la realizzazione di un sogno. È andata così…

Morian Taddei ha una storia molto particolare alle spalle. Da ragazzo entra a far parte della nazionale italiana giovanile di nuoto conseguendo, nel suo percorso agonistico, vari primati italiani: a detta dei suoi allenatori, rappresenta una vera promessa in questo sport. Contemporaneamente all’attività sportiva studia violino al conservatorio per diventare musicista. Ma nel pieno della sua adolescenza formativa, a 17 anni, è vittima di un incidente stradale per il quale perde l’uso di entrambe le gambe. Dopo un lungo recupero riabilitativo riparte con lo studio della musica e riesce in poco tempo a conseguire il doppio diploma di viola e violino presso il conservatorio di Santa Cecilia a Roma. Non è tutto: nonostante l’incidente e il trauma subito, riprende giornalmente a nuotare con immutata passione presso il circolo CSI nella Capitale. Oggi questo atleta a cui l’imprevedibilità della vita ha impedito di raggiungere traguardi sportivi a livello internazionale è un meraviglioso Professore d’orchestra.

Poco meno di un mese fa, durante una sessione di registrazione, Morian, parlando del più e del meno, racconta di esser venuto a conoscenza di un supporto motorizzato da applicare alla sua sedia a rotelle: un dispositivo che gli permetterebbe una maggiore autonomia e libertà negli spostamenti del vivere quotidiano e di poter percorrere di nuovo i sentieri di montagna. Ascoltando queste parole Ilaria, professione violoncellista, si inizia ad attivare, con tatto e discrezione, comunicando questo desiderio agli altri componenti dell’Orchestra e a coloro che gestiscono lo studio di registrazione frequentato dal musicista. La richiesta, inoltrata con un semplice WhatsApp, è quella di una libera partecipazione all’acquisto di un regalo speciale per il suo imminente compleanno.

Nonostante il forzato periodo di inattività causato dal Covid-19 nel settore musicale, l’entusiasmo dei colleghi è grande e l’iniziativa, grazie ad un intenso passa parola, consente di generare una importante raccolta fondi.

A questo supporto degli amici e colleghi si aggiungerà il contributo previsto dalle Istituzioni tramite il Sistema Sanitario Nazionale e le ASL di pertinenza per l’acquisto di prodotti di questo genere. A quel punto la direzione dell’Orchestra Italiana del Cinema pensa di contattare la Triride Srl, produttrice di questo straordinario dispositivo, per una proposta di contribuzione a corredo del veicolo tramite una serie di importanti accessori elettronici che ne potenziano il rendimento al fine di concretizzare questo prezioso percorso. Anziché liquidare gli interlocutori, come è solito aspettarsi da persone che si interpellano per la prima volta, l’Azienda ascolta con attenzione la telefonata e ne parla con il titolare, il Sig. Gianni Conte, che è anche l’inventore dello speciale sistema di propulsione. E cosi, senza esitazioni avviene quanto da noi tutti sperato: l’azienda intende infatti partecipare con il suo contributo all’iniziativa.

Un’azienda che prende vita a seguito dell’invenzione dello stesso progettista, il quale risolve l’esigenza di poter avere un nuovo ausilio per la propria carrozzina e inizia nel 2013 a studiare e mettere a punto un dispositivo elettrico in grado di motorizzare una sedia a rotelle manuale e fornire una maggiore e sorprendente mobilità, sia nella vita lavorativa che nel tempo libero, con caratteristiche non presenti sul mercato. L’estrema leggerezza, la particolare mobilità, il design accattivante e sportivo e non da ultimo una potenza tale da poter affrontare anche superfici difficili e pendenze rilevanti hanno fatto sì che il brand Triride creato da Gianni Conte potesse soddisfare inizialmente le richieste di conoscenti e amici con le stesse necessità, fino a costituire e potenziare un’azienda in grado di incrementare la produzione e commercializzazione di questo geniale prodotto. È così che l’ingegno e la tenacia di un imprenditore appassionato e determinato, supportato da uno staff altamente professionale, hanno dato vita ad una realtà imprenditoriale che sta rivoluzionando il modo di vivere di tutti coloro che usano la sedia a rotelle.

Il sogno di Morian si realizza il 5 gennaio 2021, giorno del suo compleanno, quando il violinista riceve a sorpresa da Ilaria ed altri amici il voucher e le necessarie indicazioni per poter procedere all’acquisto dello “Triride Special Compact HT All Road” completamente accessoriato. Un giorno di zona rossa ma col pollice verde puntato verso un domani migliore.

Una bella storia da raccontare che scalda il cuore, in questo periodo difficile che stiamo attraversando, e che suggella importanti legami tra persone la cui sensibilità permette a difficili speranze di concretizzarsi in reali verità. Una sorta di trampolino verso una rinascita fisica ed interiore, come recita il noto brano scritto da Antonello Venditti, del quale oltre a condividerne il significato, è stato preso in prestito il titolo da dare a questo particolare racconto.

Lascia un commento
Continue Reading

Diritti umani

Insieme per combattere la violenza domestica e gli abusi sessuali

Avatar

Published

on

Corpo Italiano di San Lazzaro, con il supporto di NO MORE Foundation, e in collaborazione con la Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo – LIDU, per dire basta alla violenza domestica e agli abusi sessuali

di Antonio Virgili – Presidente Commissione Cultura della LIDU

Il Corpo Italiano di San Lazzaro, con il supporto di NO MORE Foundation, e in collaborazione con la Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo – LIDU, promuove da quest’anno una serie di azioni (incontri, seminari, webinar, raccolta di dati, supporto psico-sociale, produzione di audiovisivi, ecc.) per contribuire alla prevenzione e riduzione della violenza domestica e degli abusi sessuali, due fenomeni ancora troppo diffusi nella società. Tali azioni saranno orientate a tutela di ogni persona, indipendentemente dal genere e dall’orientamento, particolare attenzione sarà rivolta alle persone minorenni.

Siamo convinti che una parte cospicua della prevenzione si basi sul mutamento quotidiano della cultura sociale e sulla percezione della gravità di tali azioni, più che sul deterrente della sola azione repressiva penale. Occorre affrontare il tema radicando buone pratiche, valori positivi, rispetto reciproco, comportamenti ancorati alla attuazione dei principi della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo ed ai relativi doveri. Inoltre, quando tali eventi si verifichino, le persone danneggiate devono ricevere sostegno, solidarietà, non essere costrette a restare in ombra o addirittura essere oggetto di tacita emarginazione.

Lascia un commento
Continue Reading

Diritti umani

UNICEF: chiudere le scuole per un altro anno a causa del COVID-19 avrà ripercussioni sulle generazioni future 

Avatar

Published

on

Dichiarazione di Henrietta Fore, Direttore generale UNICEF  

 “Mentre ci avviciniamo al secondo anno della pandemia da COVID-19 e i casi, nel mondo, continuano a crescere, bisogna fare tutto il possibile per tenere le scuole aperte o renderle prioritarie nei piani di riapertura. Nonostante le tante evidenze sull’impatto della chiusura delle scuole sui bambini e nonostante le sempre maggiori evidenze secondo cui le scuole non sono luoghi di diffusione della pandemia, troppi paesi hanno optato per tenerle chiuse, alcuni per quasi un anno. 

Il costo della chiusura delle scuole – che al picco dei lockdown causati dalla pandemia hanno colpito il 90% degli studenti nel mondo e lasciato più di un terzo degli studenti senza accesso all’istruzione da remoto – è stato devastante. Si prevede un aumento del numero dei bambini fuori dalle scuole di 24 milioni, raggiungendo un livello che non si vedeva da anni e che è stato difficile da sormontare. Sono state colpite le capacità dei bambini di leggere, scrivere e fare le operazioni aritmetiche di base e le competenze di cui avranno bisogno per prosperare nell’economia del 21° secolo sono diminuite. La loro salute, lo sviluppo, la sicurezza e il benessere sono a rischio. I più vulnerabili tra loro ne pagheranno il costo maggiore. 

Senza pasti scolastici, I bambini sono affamati e la loro nutrizione sta peggiorando. Senza interazioni quotidiane con I loro coetanei e la riduzione della mobilità, perdono benessere fisico e mostrano segnali di stress. Senza la rete di protezione che le scuole spesso forniscono, sono più vulnerabili ad abusi, matrimoni precoci e lavoro minorile. Per questo la chiusura delle scuole deve essere una misura di ultima istanza, dopo aver considerato tutte le altre opzioni. Fare un’indagine sui rischi di contagio a livello locale dovrebbe essere un fattore determinante nella decisione sulle attività scolastiche. Le chiusure a livello nazionale devono essere evitate ogni qualvolta sia possibile. Dove ci sono più alti livelli di contagio a livello comunitario, dove i sistemi sanitari sono sotto estrema pressione e dove la chiusura delle scuole è ritenuta inevitabile, devono essere messe in atto misure di salvaguardia. Queste includono: assicurare che i bambini che sono a rischio di violenza a casa, che dipendono dai pasti scolastici e i cui genitori sono svolgono lavori essenziali, possano continuare ad andare a scuola. 

In caso di lockdown, le scuole devono essere tra le prime a riaprire una volta che le autorità iniziano ad  alleggerire le restrizioni. Le lezioni di recupero dovrebbero essere prioritarie per assicurare che i bambini che non hanno avuto accesso all’apprendimento da remoto non siano lasciati indietro. Se i bambini affronteranno un altro anno di chiusura delle scuole, gli effetti si faranno sentire sulle generazioni future.” 

ITALIA- “Quella che stiamo attraversando è una crisi senza precedenti che produce disuguaglianze nelle opportunità di crescita e apprendimento dei nostri bambini e dei nostri ragazzi, soprattutto quelli con maggiori vulnerabilità. La scuola non è solo un luogo di apprendimento, ma è anche uno spazio in cui bambini e giovani interagiscono, imparano a socializzare e hanno l’opportunità di confrontarsi. Come UNICEF Italia chiediamo che la scuola sia messa al centro delle scelte politiche di questa emergenza e che il diritto all’istruzione di qualità per tutti rimanga un obiettivo strategico per non compromettere la vita delle future generazioni. Proprio in quest’ottica, oggi, si terrà il corso di formazione online “Scuola Amica UNICEF: come realizzare ascolto e partecipazione nella Scuola che stiamo vivendo” a cui hanno aderito 570 persone tra insegnanti, personale e dirigenti scolastici, realizzato nell’ambito del Programma UNICEF e Ministero dell’Istruzione ‘Scuola Amica delle bambine, dei bambini e degli adolescenti’” – ha dichiarato Carmela Pace, Presidente dell’UNICEF Italia. 

Lascia un commento
Continue Reading

In evidenza