Cosenza, a Massimo Scaglione il premio “Cittadino Illustre”

By 24 giugno 2013Primo piano

la-moglie-del-sarto1La commissione cultura del Comune di Cosenza premia il regista per aver esportato con i suoi film la Calabria nel mondo

Roma, 23 giugno – Domani 24 giugno alle 16,00 nel ridotto del teatro Rendano la Commissione Cultura del comune di Cosenza consegnerà il premio “Cittadino Illustre”al regista e sceneggiatore Massimo Scaglione. Si tratta di una onorificenza che vuole dare risalto a personalità del settore della cultura e dell’imprenditoria locali, iniziativa coordinata dal presidente della commissione Domenico  Frammartino e da Maria Lucente. In questa occasione sarà consegnata una targa al regista calabrese Massimo Scaglione che ha dato risalto in tutta la sua carriera al sud e alla Calabria. Anche nel suo ultimo lavoro ‘ La moglie del sarto’ protagonisti  Maria Grazia Cucinotta, Tony Sperandeo, Marta Gastini, Ernesto Maheux, tutto  ambientato tra l’hinterland  e la città  brutia e che sarà nelle sale il prossimo autunno, il regista di origini cosentine utilizza una chiave di lettura di importanti temi sociali  individuando punti di forza ma anche difetti da correggere  della cultura meridionale e calabrese. La pellicola, che ha gia’ debuttato con successo alla 36/a edizione del ‘Festival du films du monde’ di Montreal e alla Rassegna del Toronto Italian Film Festival rappresenterà l’Italia e la Calabria il 22 luglio prossimo in apertura del festival mondiale del cinema di Fortaleza in Brasile. _.._IICManager_Upload_IMG__Toronto_moglie_sarto_bisScaglione, che si professa ‘allergico ai premi’ ma che con questo ultimo film ha raccolto riconoscimenti in tutto il mondo, si dice orgoglioso di riceverne uno dalla sua città : “ Cosenza – ha affermato – è la città di uno dei più grandi filosofi al mondo, Bernardino Telesio, già in tempi antichi dunque avvolta da un grande amore per la cultura e ricevere un premio qui a casa mia, in una città nota per la sua università e  lontana dai fragori mondani, mi rende orgoglioso perché è la mia città che sta per consacrarmi come cittadino capace con il proprio lavoro artistico di esportare  al di fuori dei suoi confini la cultura calabrese”.

Lascia un commento