Connect with us

Arte & Cultura

Cecile Kyenge incontra Christopher Chope

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti

kyenge 4Il relatore presso l’Assemblea del Consiglio d’Europa e parlamentare britannico C. Chope, in missione in Italia per la stesura di un report sui flussi migratori misti nelle aree costiere italiane

Roma, 12 febbraio – La ministra per l’Integrazione, Cécile Kyenge, ha incontrato ieri mattina il relatore presso l’Assemblea del Consiglio d’Europa e parlamentare britannico Cristopher Chope, in missione in Italia per la stesura di un report  sui flussi migratori misti nelle aree costiere italiane. Nel corso del cordiale colloquio, la ministra ha illustrato all’on. Chope il ‘Piano nazionale contro il razzismo, la xenofobia e le discriminazioni’ e l’attività di coordinamento con le altre amministrazioni interessate in materia di integrazione. Lo schema era stato predisposto nel mese di luglio 2013 in collaborazione con  l’Unar, secondo un approccio integrato e multidisciplinare per garantire una risposta efficace al crescente fenomeno del razzismo in Italia.  chopeDall’analisi dei dati rilevati dal Contact center si era evidenziato che nel corso del 2012 erano stati segnalati in totale 1.283 casi di discriminazione in settori come la disabilità, età, etnia/razza, genere, orientamento sessuale, religione. Un incremento rispetto al 2011 del 61%. Per questo motivo, il Piano d’azione si occupa delle discriminazioni basate sulla razza, sul colore, sull’ascendenza, sull’origine nazionale o etnica, sulle convinzioni e le pratiche religiose. Assi prioritari di azione su cui si individuano misure ed azioni positive da mettere in campo sono: Occupazione, Alloggio, Istruzione, Mass Media e Sport, Sicurezza. Ciascun asse sarà declinato per ambiti strategici, obiettivi operativi e misure positive concretamente attuabili a legislazione vigente. Un approfondimento, inoltre, è dedicato alla discriminazione basata sul colore della pelle. Diverse ricerche hanno evidenziato, infatti, come il colore della pelle sia uno specifico elemento di discriminazione, in particolare nelle scuole o nel mondo del lavoro.