DERMART: il convegno che unisce la Dermatologia con l’Arte

Settima edizione ideata e diretta da Massimo Papi

2014-1Roma, 1 agosto- Colori, linee e forme delle malattie cutanee rendono la pelle una tela pittorica in continuo rimaneggiamento. Nuovi colori si stratificano, elementi di forma si modificano nel tempo, a causa dell’ambiente, delle malattie e dell’invecchiamento naturale. Il compito dei dermatologi è di saper interpretare i dettagli dei cambiamenti della pelle come i critici d’arte fanno sulle tele, di saper curare i cambiamenti patologici e di aiutare a prevenire quelli legati al tempo e alle cattive abitudini. Per questo motivo e con questo obiettivo nasce Dermart, un convegno che unisce la Dermatologia con l’Arte per sviscerarne i comuni linguaggi. Ideata e diretta da Massimo Papi e giunta alla sua settima edizione, la rassegna continua la sua tradizione nel confronto didattico tra malattie cutanee e pittura proponendo anche una serie di argomenti nuovi di interesse multidisciplinare. Quest’anno Dermart si svolgerà al Parco Regionale dell’Appia Antica di Roma (ex cartiera Latina) il 25 e 26 settembre p.v. e vedrà intervenire relatori appartenenti sia alle diverse professioni del mondo sanitario (medici, infermieri, biologi, psicologi), sia al poliedrico universo artistico (pittori, art makers, storici e critici dell’arte), insieme ad interloquire, interpretare, storicizzare e dare nuovi significati a sofferenze e inestetismi della pelle. Il tema di base del meeting sarà l’adolescenza con le modificazioni e i cambiamenti critici che la cute e gli annessi subiscono in tale fase della vita e gli aspetti importanti che la pelle riveste nella formazione della propria immagine. Numerosi gli argomenti trattati. Tra questi si parlerà degli elementi che nei “ritratti” permettono d’identificare alcune malattie cutanee degli adolescenti (atopia, psoriasi) e del ritratto che ognuno di noi fa di sé durante questa delicata fase di trasformazione (autoritratto), come anche delle ultimissime metodiche d’indagine strumentale che permettono anche interessanti parallelismi tra lesioni cutanee del volto (es. cheratosi attiniche) e i colori brillanti della pop art. L’attenzione in epoca adolescenziale alla condizione dei capelli è fonte di numerosi problemi sul piano psicologico e richiede grande capacità diagnostica oltreché scelte terapeutiche diversificate da parte dei dermatologi. Si affronteranno tali tematiche, illustrando anche i casi di alterazioni nelle malattie congenite o rare dei bambini e in quelle più numerose tipiche dell’adolescenza (alopecia areata, alopecia androgenetica iniziale) e offrendo risposte a come poter curare o “coprire” tali disturbi. Visto il successo nel Congresso del 2014, Dermart propone anche un curioso allenamento nell’interpretare i particolari dei ritratti famosi di giovani, ipotizzando poi potenziali diagnosi e storie cliniche, insieme ad esperti storici dell’arte (iconodiagnostica). L’abilità osservazionale, la finezza nell’interpretazione psicologica, l’attenzione a dettagli e simboli, renderanno così i partecipanti raffinati diagnosti e creatori di storie affascinanti tra vissuti e potenziali patologie. Saranno inoltre chiamati a confrontarsi neuroscienziati e psicologi per capire le ansie che viviamo in questo periodo dell’esistenza, le possibili conseguenze sulla cute e il ruolo dell’arte per meglio comprendere e attenuare i disturbi cutanei. Su tale argomento la lettura del saggio “Le lesioni cutanee autoinflitte” saprà far meglio comprendere gli aspetti clinici dermatologici di patologie spesso di difficile diagnosi, mentre altri interventi di brillanti esperti del settore esploreranno il versante psico-affettivo legato a questa materia. Il tema “La pelle nella musica leggera” sarà poi occasione di censire, con leggerezza insieme al pubblico convenuto, le canzoni più famose nelle quali la cute è in qualche modo protagonista. Dermatologi appassionati e artisti del mondo della musica e del teatro aiuteranno con le loro interpretazioni a rendere più lievi alcuni aspetti difficili delle malattie cutanee. L’inganno dei fattori osservazionali sulle manifestazioni cliniche della pelle – alla pari del trompe l’oeil della pittura –  sarà ulteriore oggetto di approfondimento nella pratica quotidiana delle diagnosi cliniche attraverso anche un concorso clinico aperto ai giovani e meno giovani dermatologi con brevi descrizione di storie cliniche. Infine, nell’”Angolo della storia”, spazio alla comprensione del significato della gestualità e della comunicazione espressa dalle mani nella storia dell’arte della scultura (Maniloquium). Cornice della manifestazione è la splendida sede della ex Cartiera Latina, sede istituzionale del Parco dell’Appia Antica, una location immersa nella Natura che ispirerà un’apposita sessione dedicata alla scoperta dei rischi delle punture d’insetti e parassiti degli ambienti naturali e alle corrispondenze morfologiche tra natura, cute e arte, arrivando ad esaminare le dermatosi da contatto con le piante e dei danni del sole (fitofotodermatosi e cheratosi attiniche). Sarà infine organizzato un minicorso all’arte della medicazione infermieristica della cute dei bambini e degli adolescenti, che forse a volte si dimentica essere più sensibile e delicata di quella dell’adulto e a rischio di danni, di inefficacia terapeutica o non aderenza, se non vengono fornite una serie d’informazioni e spiegazioni ai genitori. Dermart 2015 si conferma così essere un convegno-evento fuori dagli schemi, atto a far conoscere ed apprezzare la medicina anche negli  aspetti più semplici di umanizzazione, nonché un’occasione per gli studenti universitari di ottenere ben 9 crediti formativi attinenti alle seguenti facoltà: Chirurgia Generale; Dermatologia e Venereologia; Medici di Medicina Generale; Neurologia; Pediatria; Pediatria (Pediatri di Libera Scelta); Psicologia; Psicoterapia; Neuropsichiatria Infantile; Farmacia Territoriale; Farmacia Ospedaliera).

L’Associazione “In Campo con il Cuore” cardioprotegge Palazzo Reale di Milano

Installato oggi un defibrillatore automatico esterno nel cortile del Palazzo

news_38765_imageMilano, 27 luglio 2015 – Da oggi Palazzo Reale, uno dei poli culturali più importanti d’Italia situato nel pieno centro storico di Milano e visitato da oltre 1.200.000 persone l’anno, sarà “spazio cardio-protetto” grazie al progetto “In campo con il Cuore”. Il defibrillatore è stato installato il 24 luglio nel cortile di Palazzo Reale alla presenza di Basilio Rizzo, Presidente del Consiglio Comunale di Milano e Presidente Onorario f.f. dell’Associazione “In Campo con il Cuore”, Filippo Del Corno Assessore alla Cultura del Comune di Milano, Domenico Piraina Direttore Palazzo Reale, Marco Tizzoni Consigliere Regione Lombardia, Guido Francesco Villa – AREU/118 Responsabile Progetto Regionale Defibrillazione Precoce, Angelo Marra – Presidente Associazione “In Campo con il Cuore”  Direttore Palazzo Reale, Marco Tizzoni Consigliere Regione Lombardia, Guido Francesco Villa – AREU/118 Responsabile Progetto Regionale Defibrillazione Precoce, Angelo Marra – Presidente Associazione “In Campo con il Cuore” Palazzo Reale è il primo spazio espositivo pubblico dedicato all’arte in Italia ad aderire con entusiasmo a questo progetto di sensibilizzazione sulla diffusione del DAE – defibrillatore automatico esterno – organizzato in collaborazione con la Presidenza del Consiglio Comunale di Milano e l’Azienda Regionale Emergenza, e a cardio-proteggersi installando nel cortile un defibrillatore, strumento che può diventare fondamentale per salvare una vita. In Italia le malattie cardiovascolari sono la causa di oltre il 41% dei decessi e le morti cardiache improvvise, in cui il decesso avviene entro un’ora dall’insorgenza dei sintomi, colpiscono ogni anno circa 60.000 italiani. I fattori che incidono positivamente sulle probabilità di sopravvivenza delle vittime sono strettamente dipendenti alla precocità di intervento ed un rapido inizio delle manovre di rianimazione è una condizione necessaria per salvare la vita di una persona. Il progetto “In campo con il cuore ha appunto come obiettivo quello di rendere Milano, la Città Metropolitana e la Regione Lombardia “cardio protette”. “In campo con il Cuore” e il suo Partner tecnico Iredeem by Philips provvederanno inoltre alla formazione di parte del personale della sede espositiva milanese per l’utilizzo del defibrillatore.

Bambini alle prese con le parole

Padova, nel Centro Medico di Foniatria il percorso terapeutico del bambino coinvolge tutta la famiglia.

Esterno m - Centro Medico di FoniatriaPadova, 21 luglio- Tavolini colorati con seggiole a misura di bambino, giocattoli, album e pennarelli, libri da leggere e da sfogliare.E bambini che giocano, ridono e parlottano tra loro. Non sembra certo la descrizione di un centro medico! O perlomeno non è questa l’immagine che ci salta in mente quando pensiamo a una struttura sanitaria. Eppure, accanto agli scenari più “tradizionali”, il Centro Medico di Foniatria di Padova presenta anche ambienti familiari e giocosi, pensati specificatamente per i piccoli pazienti. E indirettamente per le loro famiglie che affrontano così il percorso della terapia in modo più leggero e sereno.


Quando parlare è difficile
Disturbi del linguaggio, patologie della voce, della parola e dell’udito, e più in generale problemi legati alla comunicazione possono purtroppo manifestarsi fin da bambini. A partire da piccolissimi, ci si può accorgere che il bimbo non sente bene, non reagisce davanti a suoni e rumori; in età prescolare si manifestano i disturbi legati alla parola, una pronuncia non corretta, un vocabolario molto ridotto. È fondamentale in questi casi individuare esattamente la natura del problema per poter intervenire correttamente, per questo è di primaria importanza la diagnosi, la terapia e successivamente la riabilitazione logopedica. Tra gli ambiti clinici all’interno dei quali si muove il Centro ci sono, oltre alla foniatria, anche l’audiologia, la psicomotricità funzionale e relazionale, la logopedia e la psicologia. Molta attenzione viene riservata agli ambienti, trovarsi in un luogo familiare, con giochi e libri da leggere, mette sicuramente a proprio agio il bambino e lo fa sentire tranquillo e al sicuro. Ecco perché ad accompagnare i bambini c’è anche una vera e propria mascotte: Lillo l’elefante!


Autismo, la famiglia è al centro
A volte i disturbi del linguaggio sono associati ad altre problematiche, anche molto gravi. Il Centro Medico di Foniatria si occupa anche di bambini affetti da autismo, avvalendosi di un’equipe multidisciplinare composta da medico foniatra, neuropsichiatra infantile, pediatra, psicologo, logopediste, psicomotricista. Questo consente unapresa in carico globale del piccolo paziente. In prima linea il prof. Giuseppe Cossu, neuropsichiatra infantile, autore di numerose pubblicazioni, molto noto anche in ambito accademico: Professore Ordinario di Neuropsichiatria Infantile dell’Università di Parma ha lasciato la cattedra per occuparsi a tempo pieno del suo lavoro a contatto con i piccoli pazienti. All’interno del Centro Medico di Foniatria la famiglia costituisce il fulcro dell’intervento educativo, i genitori sono invitati infatti fin dall’inizio ad assistere e partecipare alle sedute di valutazione e trattamento. L’intervento educativo è individualizzato e quotidiano, le indicazioni e gli obiettivi vengono scelti sulla base della valutazione del bambino e delle interviste con i genitori, viene creata una collaborazione anche con la scuola, affinché gli obiettivi educativi siano perseguiti in maniera coerente in tutti gli ambienti di vita del bambino.


Anche i genitori studiano
Affinché la famiglia sia davvero al centro del percorso educativo rivolto al bambino, il Centro Medico di Foniatria propone corsi specifici per i genitori.Tra questi ci sono ad esempio il counseling nella balbuzie o il corso di formazione per genitori di bambini ipoacusici da 0 a 24 mesi, utili per fornire ai familiari le basi teoriche della comunicazione, gli strumenti per individuare e riconoscere il disturbo, potenziare le loro abilità comunicative al fine di facilitare il percorso terapico del figlio. Un altro corso propone la valutazione longitudinale di bambini in età 18/36 mesi con comunicopatia. Il progetto nasce dall’esigenza di intervenire precocemente nella stimolazione del linguaggio quando i bimbi sono piccoli rendendo sistematico ciò che si può fare per prevenire i ritardi di linguaggio e aumentare le competenze comunicative e linguistiche nei bambini. Il progetto di laboratorio infine è rivolto ai genitori per fornire degli esempi pratici su come stimolare e potenziare le abilità grafiche dei loro bambini.


La terapia miofunzionale
Mordicchiare di continuo oggetti, succhiare il pollice, tenere la lingua in una posizione scorretta, respirare sempre attraverso la bocca, sono diversi i comportamenti nei bambini che possono determinare una crescita anomala dei denti e delle ossa del viso. La terapia mio funzionale, attraverso una serie di esercizi, mira proprio a correggere le alterazioni delle funzioni orali che interessano la deglutizione, la respirazione, l’articolazione dei fonemi e la mimica del volto. All’interno del Centro Medico di Foniatria la responsabile di questa terapia è la dott.ssa Mariamaddalena Basoli, logopedista che si occupa anche della valutazione e riabilitazione dei disturbi del linguaggio in età evolutiva e delle ipoa­cusie sensoriali con bambini portatori di protesi tradizionali.


Oltre 60 anni di attività
Il Centro Medico di Foniatria, Unità Operativa di Neuroriabilitazione Cognitiva, convenzionata con il Sistema Sanitario Nazionale, nasce a Padova nel 1954 per iniziativa del prof. Lucio Croatto e della dott.ssa Caterina Martinolli Croatto, medici otorinolaringoiatri e foniatri che hanno dedicato la loro vita alla cura dei disturbi della comunicazione verbale.
Il Centro, che dal 1986 è diretto da Donatella Croatto, spicca nel panorama europeo come modello di assistenza globale, sia per bambini che per adulti e anziani con patologie legate a disturbi linguistici e cognitivi, della voce, della parola e dell’udito, problemi di memoria e attenzione.

Caldo, FederAnziani: tsunami di malori e accessi anziani in pronto soccorso

Messina: “bere tanto e non sospendere terapie se non dopo aver consultato il medico”

18662anzianiRoma, 17 luglio 2015 FederAnziani Senior Italia, in relazione all’emergenza caldo segnalata dalla protezione civile, con oltre 20 province in allarme rosso, fa appello a figli e nipoti affinché facciano molta attenzione ai loro cari over 65. Gli anziani, come tutti ben sanno, perdono i recettori del senso della sete, e con estrema facilità si arriva alla disidratazione con tutti i rischi che questa comporta. Proprio queste le cause principali che hanno scatenato in questi giorni lo tsunami di malori e di accessi nei pronto soccorso da parte della popolazione anziana. Altro rischio, quello che gli anziani sospendano unilateralmente l’uso di alcune medicine, compromettendo seriamente l’aderenza alla terapia. In questo caso il consiglio è di non sospendere o modificare mai terapie se non dopo aver consultato il proprio medico. Per superare al meglio l’ondata di calore, dunque, è fondamentale attenersi alle poche, semplici regole contenute nel decalogo anti-caldo FederAnziani, ovvero: 1) non uscire nelle ore più calde della giornata, dalle 12 alle 17; 2) arieggiare l’ambiente dove si vive, anche con l’uso di un ventilatore, ma non esporsi alla ventilazione diretta; 3) bere almeno un litro e mezzo di liquidi al giorno, per reintegrare le perdite di sali minerali; evitare bevande alcoliche, gassate, troppo zuccherate e troppo fredde. Non eccedere con caffè o the; 4) consumare pasti leggeri preferendo pasta, frutta, verdura. Evitare cibi grassi e piccanti; 5) tenere il capo riparato dal sole; 6) non esporsi al sole in modo prolungato. Fare impacchi con acqua fresca per abbassare la temperatura corporea qualora, in seguito ad un’eccessiva esposizione, dovesse insorgere mal di testa; 7) indossare abiti leggeri, non aderenti, di colore chiaro e tessuti naturali perché le fibre sintetiche ostacolano il passaggio dell’aria; 8) non interrompere le terapie mediche, né sostituire i farmaci che si assumono abitualmente, di propria iniziativa. Consultare sempre il medico per ogni eventuale modifica delle cure che si stanno seguendo; 9) non restate all’interno di automobili parcheggiate al sole; 10) se c’è la possibilità, è consigliabile andare in vacanza in località collinari o termali.

Nasce il Comitato strategico pazienti- Società Scientifiche

Insediato oggi a Roma il gruppo di lavoro permanente formato da FederAnziani Senior Italia e dalle Società Scientifiche delle principali aree mediche

medico-pazienteRoma, 16 luglio 2015 – Un Comitato Strategico formato da dieci Società Scientifiche operanti nell’area delle principali patologie croniche e da FederAnziani Senior Italia, Federazione delle Associazioni della terza età, si è insediato oggi ufficialmente a Roma con l’obiettivo di far progredire ulteriormente l’alleanza tra pazienti e medici specialisti per migliorare la salute della popolazione e lavorare strategicamente a fianco delle Istituzioni nazionali e locali. “Il Comitato lavorerà per area specialistica al fine di fronteggiare il complesso scenario posto dall’invecchiamento demografico e dalle mutate condizioni economiche e finanziarie del Paese evidenziandosi, di fatto, il bisogno di elaborare proposte concrete che consentiranno di coniugare la sostenibilità del nostro sistema con efficaci risposte ai bisogni di salute dei cittadini – così sottolinea Roberto Messina, Presidente di FederAnziani Senior Italia -. FederAnziani intende, in tal modo, proseguire sulla base di solide premesse scientifiche e attraverso una crescente sinergia con i più autorevoli esponenti del mondo della medicina il dialogo proficuo già in essere con le Istituzioni che governano la Sanità del Paese”. Le Società Scientifiche coinvolte sono SID – Società italiana di diabetologia, rappresentata dal Presidente Enzo Bonora, sostituito dal Consigliere Nazionale Davide Lauro; AIAC – Associazione italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione, rappresentata dal Presidente Gian Luca Botto e dal Past President Luigi Padeletti; AIMAR – Associazione scientifica per lo studio delle malattie respiratorie, rappresentata dal Past Presidente Fernando De Benedetto; SIE – Società italiana di endocrinologia, rappresentata dal Presidente Andrea Lenzi; SIAMS – Società italiana di andrologia e medicina della sessualità, rappresentata dal Presidente Emmanuele Jannini; SIMeP – Società italiana di medicina personalizzata, rappresentata dal Presidente Paolo Marchetti; SOU – Società degli oftalmologi universitari, rappresentata dal Presidente Leonardo Mastropasqua; SIP – Società italiana di psichiatria, rappresentata dal Presidente Emilio Sacchetti e dal Past President Claudio Mencacci; SINPF –  Società italiana di neuropsicofarmacologia, con l’adesione del Presidente Eugenio Aguglia; SIU – Società italiana di urologia, rappresentata dal Segretario Generale Vincenzo Mirone, sostituito dal responsabile regionale Lazio Antonio Rizzotto. Fa parte del Comitato Strategico anche Walter Santilli, Professore Ordinario di Medicina Fisica e Riabilitativa Università La Sapienza, Roma. E’ intervenuto all’incontro Sergio Pecorelli, Magnifico Rettore dell’Università di Brescia, per illustrare le linee guida del IV Congresso della Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute che si svolgerà a Rimini dal 20 al 22 novembre 2015.

Il benessere si tinge di EXPO

Nei Belvita Leading Wellnesshotels Südtirol i trattamenti wellness ispirati al cibo, protagonista assoluto del 2015

 titelbild_ohne_logo_4_itBolzano, 8 luglio- L’attenzione per il cibo e l’alimentazione sana è da sempre uno dei pilastri su cui poggia la filosofia dei Belvita Leading Wellnesshotels Südtirol. Nell’anno in cui EXPO, consacrato al tema food, si svolge proprio in Italia, questo aspetto diventa protagonista assoluto, passando dalle delizie della tavola (con un occhio sempre rivolto alla salute) alle piacevolezze da assaporare.. nella Spa! Alimenti golosi, frutta, prodotti biologici e vino si trovano tra gli ingredienti principali di diversi trattamenti wellness, che ne esaltano le proprietà benefiche a tutto vantaggio della bellezza. Assolutamente naturale: da “rimedio della nonna” a prezioso alleato di benessere. Al Belvita Hotel Quelle di Val Casies (BZ) i golosi trovano di che soddisfare i sensi con il massaggio hot chocolate, proposto a 70 euro per circa 50 minuti. Un vero sogno a calorie zero che inizia con una cascata di cioccolato fragrante che scorre sulla schiena, e viene massaggiato dolcemente. Unito al burro prezioso della noce di shea risveglia istantaneamente la tonicità della pelle, donando nuovo volume e un aspetto liscio e giovane. Da abbinare al pediluvio al latte di cavalla, proposto a 39 euro per 25 minuti (e da godere peccaminosamente anche in due a 62 euro!), durante in quale i piedi vengono spalmati e massaggiati generosamente con questo elisir. Nel frattempo si può sorseggiare un bicchiere di vino, senza sensi di colpa, e farsi massaggiare testa e collo per liberarsi da ogni energia negativa. I prezzi per il soggiorno al Belvita Hotel Quelle partono da 115 euro a persona al giorno con pensione benessere a ¾. Il Belvita Hotel Alpenschlössl e Linderhof di Cadipietra (BZ) invita a immergersi nell’atmosfera altoatesina dando spazio ad uno dei prodotti più noti in tutto il mondo: la mela. Simbolo di conoscenza, frutto allo stesso tempo del peccato, della bellezza (si pensi al premio vinto da Afrodite) ed emblema di sano spuntino la mela è l’ingrediente del massaggio Alpicare con mela e rosa canina, proposto a 64 euro per 50 minuti. Si tratta di un trattamento completo, che coinvolge tutto il corpo, busto e arti, ed è indicato anche per le pelli più mature. Le vitamine e gli elementi presenti nella mela hanno il potere (quasi magico!) di restituire freschezza ed elasticità. Se accompagnato da una buona porzione di frutta quotidiana l’effetto giovinezza è assicurato. I prezzi per il soggiorno al Belvita Hotel Alpenschlössl e Linderhof partono da 115 euro a persona al giorno con pensione Premium All Inclusive. Anche al Belvita Hotel Mignon di Merano (BZ), vero nido di benessere, si punta sui prodotti locali, con lo straordinario massaggio al miele altoatesino, pensato per gambe, schiena, ginocchia e caviglie. In questo percorso benessere il miele caldo viene applicato sul corpo e grazie ad una speciale tecnica di massaggio le tossine e le sostanze impure accumulato nell’organismo vengono rilasciate e portate in superficie. Il miele le assorbe, e il corpo viene liberato, mentre viene riattivata la circolazione, i muscoli si rilassano e la pelle si rassoda. Questo particolare massaggio, grazie ai ricchi elementi contenuti nel miele, rafforza tutto il corpo e il sistema immunitario, oltre a svolgere un intenso effetto distensivo. Il prezzo per 45 minuti (gambe e schiena) è di 67 euro, mentre per 20 minuti (ginocchia e caviglie) di 39 euro. Il soggiorno al Belvita Hotel Mignon è proposto a partire da 159 euro a persona al giorno con pensione ¾ comfort. Punta sul vino e sul tipico Törggelen la proposta del Belvita Hotel Quellenhof di San Martino di Merano (BZ). Durante il trattamento “Törggelen” si ha modo di assaporare il vino altoatesino con tutti i sensi. Il percorso benessere inizia con un peeling miele e noci (tutto naturale e biologico) che rimuove delicatamente le cellule morte della pelle, cui segue un delicato massaggio agli oli essenziali di limone e vaniglia: un sogno mediterraneo!  Per finire ecco un benefico bagno al sale ai principi attivi dell’uva, da godersi in pieno relax sorseggiando un ottimo bicchiere di vino rosso “Sorgent Red”. La proposta, della durata di 110 minuti, è offerta a 125 euro, e si può gustare – è il caso di dirlo! – anche in coppia. Il prezzo per il soggiorno al Belvita Hotel Quellenhof parte da 120 euro a persona al giorno con mezza pensione comfort. Trattamenti all’uva, naturalmente altoatesina, sono proposti anche dal Belvita Hotel Hohenwart di Scena (BZ). Uno di questi è In vino sanitas, che inizia con un riscaldante pediluvio cui segue un caldo tampone di vinaccioli applicato sulla zona cervicale, ideale per sciogliere le contratture muscolari. Ecco poi una delicata stimolazione dei piedi, per andare a toccare le zone di riflessologia plantare, e ancora un massaggio-peeling corpo completo con miele di vinaccioli e olio essenziale. Al termine del massaggio ci si immerge in un bagno con uva fresca, sorseggiando una bevanda vitaminica di uva e una volta riemersi si viene spalmati di balsamo ai vinaccioli. Non è inebriante? Il prezzo è di 172 euro per una persona e di 335 euro per due persone, e il trattamento dura circa 110 minuti. Il soggiorno al Belvita Hotel Hohenwart parte da 120 euro a persona al giorno con pensione a ¾ comfort.

Autunno Ayurvedico

Cinese, balinese, giapponese: cerimonie orientali per il benessere di corpo e spirito.

 

GetAttachmentBolzano, 8 luglio- Benessere orientale nel cuore dell’Alto Adige! È possibile al Wellnessresort ALPENSCHLÖSSL & LINDERHOF****S di Cadipietra in Valle Aurina. Nella nuova A&L Spa di oltre 3.000 mq si possono provare, tra gli altri, trattamenti ayurvedici e cerimonie dell’oriente per un relax profondo e intenso che coinvolge il corpo e la mente. L’occasione è ideale per dedicarsi una vacanza autunnale romantica ed esclusiva!


Cerimonie orientali
Dall’estremo oriente arriva il Massaggio tradizionale Thai, un trattamento completo per il corpo, nel quale con acupressura e distensione viene stimolato il sistema energetico del corpo e grazie al quale vengono rilassati muscolatura, tendini e legamenti. Durante il trattamento si rimane vestiti e comodamente sdraiati su un morbido tappeto posto sul pavimento (70 min. 89 euro).
Bali Pijat è il massaggio dei templi balinesi, un trattamento intenso con pressione media e forte, fatta con il palmo della mano, con le dita e il pollice, che permette di raggiungere anche gli strati muscolari più profondi e di attivare i centri di energia del corpo. In combinazione con distensioni che si integrano nel massaggio, è un metodo di trattamento unico per corpo e mente (90 min. 105 euro).
L’arte giapponese della manipolazione si chiama Shiatsu e può avere considerevoli effetti sulla salute complessiva, portando a uno stato di tranquillità e profondo rilassamento. Le mani esperte dei massaggiatori, unendo delicatezza a un uso dosato della forza, riportano il corpo in perfetto equilibrio. Con tecniche di pressione, allungamento e mobilitazione, unite ad allenamenti strutturali, lo Shiatsu stimola il flusso energetico del corpo, sciogliendo i blocchi che si concretizzano nelle tensioni muscolari. Durante il trattamento si rimarrà vestiti e comodamente sdraiati su un morbido tappeto posto sul pavimento (50 min. 75 euro).


Relax con l’Ayurveda

GetAttachment (1)Il più conosciuto dei massaggi ayurvedici è l’Abhyanga. Ogni centimetro della pelle viene cosparso da uno speciale olio caldo, per essere poi massaggiato da mani esperte, donando un’indescrivibile sensazione di pienezza e totalità. Le zone energetiche e i singoli punti vengono trattati con cura particolare, le scorie vengono eliminate dai tessuti, favorendo il ritorno di dinamismo, energia e vitalità (70 min. 89 euro). È possibile scegliere anche la formula a quattro mani (75 min. 130 euro).
Il Padabhyanga è un massaggio rilassante a piedi, polpacci e ginocchia attraverso gli oli caldi alle erbe, che elimina calli, irrigidimenti, disturbi del sonno e nervosismo (50 min. 68 euro).
Garshan è un trattamento della tradizione ayurvedica che prevede il massaggio di tutto il corpo con l’ausilio di unguanto di seta. Gli energici movimenti stimolano la circolazione dei tessuti nonché il sistema linfatico. Garshan rende la pelle liscia e soffice come il velluto ed è l’ideale anche per combattere apatia e stanchezza. Tale trattamento è particolarmente raccomandato per chi vuole perdere peso, snellirsi e combattere la cellulite (50 min. 65 euro).
Un impacco alla polvere con sale marino e polvere di zenzero per rassodare e nutrire la pelle: l’Udvartana è ideale per la riduzione e per il rassodamento dei tessuti. Ottimi risultati si ottengono soprattutto sui punti in cui si accumula qualche chilo di troppo. All’inizio del trattamento il corpo viene cosparso di una mistura di polveri a base di zenzero e sale che viene poi massaggiata energicamente sul corpo. I tessuti appaiono visibilmente ridotti e ringiovaniti, l’effetto è piacevolmente rivitalizzante (50 min. 75 euro).
Little Romance
Trattamenti ricercati, personale qualificato, ma anche la location fa la sua parte! La nuovissima A&L Spa offre oltre 3.000 mq di benessere. Piscine e saune panoramiche, aree dedicate al relax, nuove suite e nuovi ambienti: tutto questo compone la raffinata ed elegante Spa Lodge. Nella esclusiva Sky Lounge, situata all’ultimo piano e riservata agli adulti, si trova la Sky Pool panoramica con i lettini idromassaggio, la grande sauna anch’essa con una vista mozzafiato sulla Valle Aurina e la Sky relax, un’area dedicata alla quiete. Lineare, raffinata e naturale, è impreziosita dalla luce e dai colori delle montagne che invadono gli spazi interni, sfumandone impercettibilmente i confini.
In questo ambiente unico e ricercato, ci si può dedicare un weekend all’insegna del romanticismo grazie al pacchetto “Little Romance”, valido dal 4 settembre al 4 ottobre e dal 9 ottobre al 29 novembre 2015. L’offerta comprende: 2 pernottamenti in pensione Premium All Inclusive, 1 saluto d’amore in camera con cioccolatini e bigliettino personalizzato, tavolo decorato in modo speciale la prima sera, libero utilizzo del centro benessere, 1 buono benessere del valore di 30 euro a camera da rispendere nella Spa, il tutto a partire da 275 euro a persona.

Caldo. Comune, attivo il numero verde gratuito 800.777.888 per assistenza ad anziani e persone con disabilità

Monitoraggio per 24.000 anziani di cui 7.000 over 75 e soli. Con il nuovo sistema di assistenza risparmiati 50.000 euro. Assessore Majorino: “Stiamo vicino agli anziani più fragili con assistenza domiciliare e iniziative che non li facciano sentire soli”

Afa-caldoMilano, 2 luglio  – Milano è pronta ad affrontare la prima ondata di calore prevista da oggi e per i prossimi giorni. Gli interventi predisposti dal Comune a sostegno della popolazione anziana e fragile, partiti a giugno, entrano nel vivo oggi, giornata classificata dal Ministero della Salute con livello di allerta 2 (in una scala da 0 a 3). L’attenzione è rivolta a 24.000 anziani assistiti dal Comune, di cui 7.000 con più di 75 anni, che vivono soli e hanno gravi problemi di salute. Per richiedere informazioni e assistenza è in funzione tutti i giorni dalle 8 alle 20 il numero verde gratuito 800.777.888 per accedere vari servizi (dai pasti a domicilio agli accompagnamenti, dalla pulizia della casa e igiene della persona alla teleassistenza) o segnalare anziani non autosufficienti che vivono soli o persone con disabilità che in questa particolare situazione potrebbero trovarsi in difficoltà. Insieme alle misure anticaldo il Comune ha organizzato anche quest’anno numerose attività socio ricreative contro la solitudine che riempiranno i pomeriggi degli anziani rimasti a Milano: si parte domani con la “Festa del Vicinato”, che quest’anno coivolgerà 18 quartieri della città (6 in più dell’anno scorso) con tante iniziative nei cortili dei caseggiati popolari, nelle piazzette e nei centri socio ricreativi. La festa avrà inizio alle ore 15.30 e durerà fino alle 19. Per il piano il Comune ha investito 392.000 euro con un risprmio rispetto all’anno scorso di quasi 50.000 euro dovuto al nuovo sistema di domiciliarità che ha permesso un migliore impiego delle risorse. “Affrontiamo questi giorni di grande caldo – spiega l’assessore alle Politiche sociali e Cultura della Salute, Pierfrancesco Majorino – stando vicino agli anziani più fragili e alle persone con disabilità. Dall’inizio di giugno abbiamo rafforzato l’assistenza domiciliare estendendola anche a chi, durante il resto dell’anno, solitamente non è seguito dai nostri servizi, ma con l’estate diventa più vulnerabile. Il numero verde gratuito per le richieste di assistenza è attivo dalle 8 alle 20 per mettere gli anziani e i loro familiari in contatto con i nostri operatori. Invitiamo i milanesi a segnalarci persone in difficoltà che potrebbero aver bisogno di aiuto proprio in questi giorni più caldi e afosi. Oltre all’assistenza abbiamo organizzato anche quest’anno numerose attività di svago e di socialità nei nostri centri socio ricreativi, negli spazi per la socialità dei caseggiati popolari e in piazza del Cannone dove inizieremo già da metà luglio, raddoppiando il periodo di durata degli eventi. Siamo convinti che la socialità sia la migliore arma contro la solitudine, la base da cui partire per creare una vera rete di sostegno, vicinanza e cordialità”. “Domani in 18 quartieri della  città – aggiunge Majorino – daremo avvio alle iniziative dell’estate con la ‘Festa del Vicinato’, proprio per riunire in cortili, portinerie, piazzette e giardini, dal centro alla periferia anziani e famiglie, riallacciando rapporti e amicizie”.   Alle risorse del Comune si aggiungono almeno 150.000 euro finora messi a disposizione da sponsor e privati per la realizzazione delle attività ludico ricreative, oltre a quelli che saranno impiegati per la stessa finalità dall’assessorato allo Sport e Tempo libero. Dal 3 giugno il Comune ha potenziato i servizi di assistenza domiciliare già forniti durante l’anno a circa 24.000 anziani in carico ai Centri Multiservizi Anziani, estendendoli anche ad una fascia di cittadini solitamente non seguiti tutto l’anno, ma che durante l’estate, complice il caldo e l’assenza di familiari, badanti e vicini di casa, possono trovarsi in difficoltà. Nel primo mese, che non ha avuto nessuna ondata di calore, sono state oltre 200 le richieste d’intervento arrivate. Gli anziani che hanno contattato il Comune hanno chiesto per lo più accompagnamenti  a visite mediche, consegna di pasti a domicilio e interventi per l’igiene personale e pulizia della casa. Le richieste sono state effettuate al numero verde gratuito 800.777.888  che è attivo dalle 8 alle 20, dal lunedì al sabato e di domenica in caso di ondate di calore. Gli interventi richiesti sono organizzati dagli operatori del Comune sette giorni su sette dalle 8 alle 17 e fino alle 19 anche il sabato e la domenica in caso di ondate di calore. Agli operatori è possibile richiedere gli interventi specifici di pronto intervento assistenziale: consegna di pasti caldi a domicilio, assistenza domiciliare per la pulizia della casa e l’igiene della persona,  telefonate e visite e l’aiuto domestico con accompagnamento per la spesa o per visite mediche e terapie. Gli interventi previsti dal piano del Comune si svolgeranno in due fasi: la prima, già in atto, durerà fino al 29 luglio; la seconda fase durerà dal 30 luglio al 31 agosto (con possibile proroga sino al 6 settembre). Secondo i dati della cosiddetta “Anagrafe della Fragilità”, redatta ogni anno dal Comune in collaborazione con Asl Milano e i medici di famiglia, sono circa 7.000 gli anziani fragili, cioè con più di 75 anni che vivono soli (o risultano anagraficamente soli) e in precarie condizioni di salute perché malati cronici o entrati e usciti più volte dall’ospedale. Sono mille persone in più rispetto a soli tre anni fa quando erano stati registrati 5.998 anziani. I servizi sono offerti a tutti gli anziani fragili e vi si accede su base volontaria. Perciò sono fondamentali le segnalazioni di familiari, parenti, vicini di casa e conoscenti per far sì che i nostri servizi possano intervenire. Come ogni anno invitiamo i milanesi a chiamare il numero verde 800.777.888 e ad avvisarci nel caso ci siano per anziane non autosufficienti e sole che possono trovarsi in difficoltà. L’anno scorso sono stati effettuati 24.298 interventi da giugno a settembre (12.501 consegne di pasti a domicilio, 1.007 interventi di igiene personale, 403 di pulizia della casa e 507 accompagnamenti, 307 visite di sostegno e compagnia) a beneficio di 1.700 persone. Per chi avesse necessità di un assistente familiare anche solo per il periodo estivo è possibile rivolgersi allo sportello del Comune di Milano CuraMi. Tutte le informazioni su www.curami.net o al numero 02.40297643-44.   Le iniziative per la socialità coinvolgeranno tutte le strutture ricreative dedicate agli anziani compresi gli spazi aggregativi presso gli stabili del Comune e dell’Aler dove sono presenti i custodi sociali e una serie di spazi privati e del Terzo settore, sedi di associazioni e di circoli ricreativi, complessivamente circa un centinaio di spazi. Oltre alle consuete attività estive nei Centri socio ricreativi culturali (cinema, piscina, pranzi, merende, cene e pizze) saranno organizzate ulteriori iniziative: visite gratuite ai musei, gite ai luoghi d’arte all’interno del territorio regionale, biglietti gratuiti per il cinema, buoni per servizi alla persona offerti gratuitamente dai commercianti, giornali e distribuzione di latte, ingressi gratis allo stadio Meazza per le partite extra campionato e anche a Expo 2015 grazie a 5.000 biglietti scontati a 5 euro. Per tutte queste iniziative è necessario prenotare, fissare un appuntamento e recarsi allo sportello del Comune per il ritiro dei biglietti di partecipazione. Per prenotare si deve chiamare il numero verde 800.777.888 dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20.  Gli operatori registrano la prenotazione e fissano un appuntamento per il ritiro di biglietti, buoni e coupon, giornali e latte che potrà essere effettuato da lunedì 30 luglio allo sportello di via Statuto 17. Non mancheranno gli eventi per il Ferragosto e il tendone in piazza del Cannone con ballo e altre attività che inizieranno già dal prossimo 11 luglio, raddoppiando così il periodo di durata degli eventi. Come lo scorso anno saranno attivi anche i cuochi sociali, i volontari abili ai fornelli che, dal gennaio del 2013, hanno risposto all’appello del Comune e si sono offerti per cucinare pranzi nelle case di anziani soli, facendosi carico anche delle spese. Saranno presenti nei centri socio ricreativi anziani e nei centri multiservizio portando insieme alla loro generosità anche ottime pietanze.

UNICEF ad EXPO 2015: al via i laboratori per i bambini sulla sana e corretta alimentazione

La presenza dell’UNICEF a EXPO 2015 si propone di sollecitare riflessioni e azioni per garantire a tutti i bambini del mondo una sana nutrizione e uno sviluppo armonico.

NYHQ2014-0601_PhelpsMilano, 2 luglio – L’UNICEF Italia lancia (da ieri fino al 16 luglio) ad EXPO 2015- Palazzo Italia i laboratori per i bambini e gli adolescenti sulla sana e corretta alimentazione. Nei laboratori sono previste attività ludiche per le diverse fascia d’età, alcune delle quali dedicate alla Pigotta, la popolare bambola di pezza che può salvare la vita di un bambino. “La presenza dell’UNICEF a EXPO 2015 si propone di sollecitare riflessioni e azioni per garantire a tutti i bambini del mondo una sana nutrizione e uno sviluppo armonico. Riteniamo che EXPO 2015 possa essere un momento cruciale per ridefinire e rilanciare strategie efficaci, garantendo politiche centrate sull’equità per i bambini. Oggi vogliamo ribadire l’impegno dell’UNICEF nella lotta alla povertà e alla malnutrizione per garantire l’assistenza sanitaria e la corretta alimentazione, promuovere l’istruzione delle bambine e delle donne nel mondo e favorire corretti stili di vita per il benessere dei bambini, anche nei cosiddetti paesi ricchi come il nostro” ha ricordato Giacomo Guerrera, Presidente dell’UNICEF Italia. Ecco le attività previste nei Laboratori UNICEF ad EXPO 2015:

 Per i bambini più piccoli sono previste due attività: “Disegna  la tua Pigotta”, per scoprire chi è la Pigotta e “Giochiamo con la Pigotta” per imparare quale è il modo corretto di alimentarsi.

– Per i ragazzi di età superiore agli 11 anni: sono previste altre due attività: “Nutriamoci”, un gioco basto sulle conseguenze logiche e “Diventa operatore UNICEF contro la malnutrizione”, in cui ai ragazzi più grandi viene chiesto – anche con l’aiuto di tessere- di “diventare staff  UNICEF sul campo per un giorno” e lavorare per impostare un piano virtuale per aiutare bambini che soffrono di malnutrizione.

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il Progetto Scuole EXPO 2015. Dopo questo primo periodo, i laboratori riprenderanno dal 9 al 24 ottobre. Grazie alla collaborazione di tanti volontari dei comitati locali UNICEF, verrà allestito uno stand UNICEF dedicato all’iniziativa della Pigotta. Speciali Pigotte dell’UNICEF inoltre saranno messe in mostra su un grande albero, di nome “Alberto”, messo gentilmente a disposizione da CASAMANIA. L’UNICEF Italia – presente e attivo nel UN-TEAM-EXPO – ha in programma una serie di iniziative che culmineranno nel mese di ottobre; tra queste: il Convegno internazionale presso il Padiglione Italia “0 to 10 Feeding-UNICEF. Da 0 a 10 anni UNICEF tra nutrizione e malnutrizione” (il 5 ottobre); i risultati di un progetto-pilota nelle scuole sulla sana e corretta alimentazione; la mobilitazione di piazza con i volontari UNICEF (3-4 ottobre); la presenza a EXPO Aquae Venezia 2015, l’unico  padiglione satellite di EXPO Milano 2015, promosso da Expo Venice e dedicato all’acqua.

Ritrovare la forma in armonia

I programmi shape and beauty di Montebelli Agriturismo e Country Hotel di Caldana (GR)

montebelliagrspaGrosseto, 1 luglio 2015- Forma e armonia, aggettivi che si possono riferire ad un quadro in grado di trasmettere emozioni, a una scultura ben proporzionata, ad un pezzo musicale riuscito: ad un’opera d’arte. E a Montebelli Agriturismo e Country Hotel di Caldana (GR) l’amore, la cura e il rispetto per le persone e la natura sono al centro di tutto. Il nostro corpo va trattato come un bene prezioso, e assicurargli equilibrio e armonia è il primo passo verso il vero benessere. Ecco allora che in questa oasi di relax nel cuore della Maremma il centro wellness si prende cura degli ospiti con trattamenti olistici speciali, che coniugano bellezza estetica e benessere interiore. E un corpo in forma è un corpo in armonia, attivo e in salute, in grado di far sentire bene nella propria pelle. Tra le proposte speciali di Montebelli vi è il pacchetto forme perfette, che inizia con una dieta sana fatta di cibi biologici, con tanto sport e trattamenti mirati come il fango anticellulite ad azione d’urto (30 minuti), e il massaggio snellente e rilassante con impiego di crema all’ipocastano, pepe rosa, curcuma, cola e centella asiatica (50 minuti). Il tutto proposto a 100 euro con trattamento rivitalizzante alle mani in omaggio. Più strong il trattamento riducente anti-cellulite rassodante urto 4 giorni, che consente di ripartire dalla vacanza con visibili risultati concreti. Include scrub, siero, olio, fango, crema, maschera da effettuarsi tutti i quattro giorni, più due bendaggi rassodanti in omaggio. Il prezzo è di 400 euro. Il soggiorno a Montebelli Agriturismo e Country Hotel parte da 110 euro per due persone in camera doppia a notte, con prima colazione.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]