Mandela, per Kyenge una luce che non si spegnerà mai

mandela_traditional_costumeIl ministro all’Integrazione su scomparsa Nelson Mandela: ‘lascia a tutto il mondo un messaggio di convivenza civile’.

Roma, 6 dicembre – “Piango un uomo, un simbolo, un’icona che ha dedicato la propria vita ai valori della fratellanza e della non violenza”. Lo ha dichiarato la ministra per l’Integrazione Cécile Kyenge dopo aver appreso della scomparsa del Premio Nobel per la pace Nelson Madiba Mandela. “Lascia a tutto il mondo – ha proseguito la ministra – un messaggio di convivenza civile che ci ha accompagnato per tutto il XX secolo e che accompagnerà le future generazioni nei secoli a venire. Si è spento l’uomo ma ha lasciato accesa la sua luce, una fiamma che dovremo continuare ad alimentare trasmettendo il suo essere, i suoi insegnamenti. In lui mi sono riconosciuta interamente e, nonostante la sua vita complicata, ci ha sempre donato un sorriso. Da oggi – ha concluso Kyenge – si affianca ai grandi della storia, quei grandi che, con il loro esempio, continuano ad indicarci la via da percorrere”.

 

Lidu, “Finanza globale e diritti umani” . Quali diritti in tempo di crisi?

headerAl via un ciclo di incontri con focus sui diritti e sulle libertà dell’uomo a cura del comitato Roma della  Lega Italiana Diritti dell’Uomo . Virgilio Ballerini, docente di Matematica Attuariale e Tecnica Bancaria alla Sapienza nel corso della sua relazione spiega: “ finanza globale calpesta diritti dei cittadini”

Roma, 11 novembre – “L’economia globalizzata è diventata un mostro cieco perché in balia dei meccanismi della finanza e non più frutto di scelte politiche che mettono al primo posto i diritti dell’uomo”, così Roberto Vismara in apertura dell’incontro dibattito che si è tenuto nella sede della Lidu onlus, piazza d’Ara Coeli 12, venerdì scorso alle 18.00. L’appuntamento, il primo di un ciclo di incontri promossi dal Comitato Roma Lega italiana diritti dell’Uomo, offre lo spunto per analizzare i meccanismi che hanno prodotto la crisi economica attuale, con una chiave di lettura che da priorità ai diritti umani, base fondante di ogni democrazia sostenibile. La relazione proposta al pubblico presente in sala da Virgilio Ballerini, docente di Matematica Finanziaria e Tecnica Bancaria alla Sapienza, ha ripercorso le tappe che hanno trasformato il mondo della finanza nel peggior tiranno che il mondo globalizzato potesse meritare.Screenshot_2013-11-11-11-25-22 “E’ con lo sviluppo del mercato globale che la finanza si è sviluppata rapidamente”, – sostiene Ballerini – “in particolare con la concessione di mutui subprime che nel settembre del 2008 portarono al fallimento improvviso della banca d’affari americana Lehman Brothers. In poco tempo altre 24 banche d’affari seguirono il destino della Lehman in Usa e furono declassate per limitare il danno. Continue Reading

Usa, approvata in Senato legge contro discriminazione gay sul lavoro

C_4_articolo_2008260_upiImageppCon 64 voti a favore, tra cui 10 senatori repubblicani,  e 32 contrari passa l’Employment non discrimination Act (Enda) : coronato il sogno di Ted Kennedy di quasi 10 anni fa. La decisione finale passa alla Camera, in prevalenza conservatrice

 

Roma, 7 novembre – “E’ una decisione che spinge l’America verso la realizzazione dei nostri ideali di libertà e giustizia. Chiedo alla Camera di votare quel testo e inviarlo alla mia scrivania in modo da trasformarlo in legge”. Ha dichiarato  Obama dopo l’approvazione da parte del Senato americano dell’Employment non discrimination Act (Enda), la legge contro ogni tipo di disparità di trattamento ai danni di lavoratori gay, lesbiche, bisessuali e trans. I voti favorevoli sono stati 64, mentre 32 sono stati i contrari, e ben 10 senatori repubblicani si sono uniti alla maggioranza democratica, un dato che fa ben sperare per la votazione finale alla Camera, in prevalenza conservatrice. Lo stesso Barack Obama si era già espresso in favore della proposta di legge sul sito americano dell’Huffington Post sostenendo che  “Negli Stati Uniti, chi sei e chi ami non potranno mai essere due elementi per poter licenziare qualcuno”. Continue Reading

Kyenge, vittoria De Blasio è bella notizia per democratici e per integrazione

Bill de Blasio celebrates with his familyMinistro Integrazione considera elezione nuovo sindaco New York di origini italiane, un messaggio forte che unisce i grandi Paesi

Roma, 6 novembre – «L’elezione di Bill de Blasio a nuovo sindaco di New York è una gran bella notizia per tutti i democratici che hanno a cuore i valori della libertà e dell’uguaglianza», lo ha dichiarato la ministra per l’Integrazione Cécile Kyenge. «La figura di de Blasio, che anche in queste ore ha sottolineato con orgoglio le sue origini italiane, è un messaggio che arriva forte e chiaro e che rafforza l’idea di integrazione come opportunità per i grandi Paesi».

Nel mondo 30milioni di persone vivono in schiavitù

walk-freeLa fondazione ‘Walk free’ rivela i numeri mondiali di chi vive sfruttato e privo di ogni libertà. In India il triste primato con 14milioni di ‘schiavi moderni’

Roma, 20 ottobre – Circa 30milioni di individui nel mondo vivono sottoposti a regime di schiavitù, senza alcun diritto, maltrattati ed utilizzati per un lavoro privo di alcun compenso. Lo svela una ricerca compiuta dalla fondazione ‘Walk free’, sostenuta da Hillary Clinton e Bill Gates. L’India con 14milioni di schiavi e’ il Paese con il piu’ alto numero di casi in assoluto, mentre la Mauritania con il 4% sul numero di abitanti ha la piu’ alta percentuale rispetto alla popolazione. schiavituSi tratta di persone sottoposte a lavoro forzato o utilizzate per tratta di esseri umani.”La schiavitù moderna è una situazione in cui le persone sono controllate con la violenza, ed è un fenomeno spesso sottovalutato. Sarebbe confortante pensare che la schiavitù sia una reliquia del passato, ma resta invece una cicatrice sul volto dell’umanita” spiega Nick Grono direttore generale di Walk Free. Continue Reading

Egitto, massima allerta a Sharm e canale di Suez. Al Cairo 50 morti in scontri di piazza

sinaiok-kLeC-U1020688728199ufB-330x185@LaStampa.itNumerose le vittime ed i feriti durante gli scontri di ieri tra manifestanti pro Morsi e polizia nella capitale. Stamane in Sinai è esplosa autobomba

Roma, 7 ottobre – In Egitto situazione incandescente, sale la tensione e nelle ultime 24 ore si sta verificando una escalation di episodi violenti che individua come aree di massima allerta il Sinai e il Canale di Suez. Nella giornata di ieri gli scontri di piazza tra i manifestanti pro Morsi e la polizia hanno causato più di 50 morti e 268 feriti. Nella notte, terzo attacco ai danni di postazioni del governo,  una installazione per comunicazioni satellitare al Cairo è stata colpita da razzi Rpg causando il ferimento di  due persone ed il danneggiamento di una parabola per le comunicazioni telefoniche internazionali. Stamane un autobomba è esplosa in Sinai nella sede della sicurezza centrale nella città di Al Tour, provocando 2 morti e 25 feriti tra i poliziotti. Nel Paese ieri si festeggiavano i 40 anni della Guerra d’Ottobre del 1973, conosciuta come Yom Kippur in Israele, un conflitto vissuto come una vittoria in Egitto perchè le truppe dell’allora presidente Sadat riuscirono a prendere di sorpresa nella loro avanzata quelle israliane.

India, muore suicida assistente universitaria che aveva subito violenza sessuale dai colleghi

india_fotoreporter_23enne_stuprata_da_un_gruppo_di_uomini_a_mumbai-330-0-371749Si era data fuoco la 40enne dipendente dell’università di Nuova Delhi che aveva denunciato gli stupri dei colleghi. L’inazione delle autorità e la perdita del lavoro sono state la causa del gesto estremo che ha portato la donna alla morte  dopo una settimana di agonia

Roma, 7 ottobre –  Aveva subito più volte violenza sessuale dai suoi stessi colleghi l’assistente di laboratorio di chimica presso il college Bhim Rao Ambedkar dell’Università di New Delhi, ed alla fine si era decisa a denunciare tutto alle autorità. Pavitra Bhardwaj, 40 anni, il 30 settembre si era data fuoco dopo essersi cosparsa di cherosene davanti alla sede del governo nella capitale, urlando di essere stata violentata dai colleghi tre anni prima. Sulla  sua denuncia nessun provvedimento era stato adottato in sua difesa e la donna addirittura era stata costretta ad abbandonare il lavoro. Continue Reading

Iraq, tre attentati causano morte di 14 bambini, 9 pellegrini e molti feriti

b0453dcb729f064eecb6895a0f2411df5061bee65b329Continuano incessanti gli attacchi kamikaze :due esplosioni a Tel Afar, di cui uno contro una scuola elementare,  e una terza a nord di Baghdad

 Roma, 6 ottobre – Due distinti attacchi di kamikaze che si sono fatti esplodere, sono avvenuti nella città di Tel Afar situata al nord dell’Irak. Il primo e più sanguinoso contro una scuola elementare dove un uomo su un camion si è introdotto nel cortile facendosi esplodere, causando la morte di 14 bambini e del direttore dell’istituto scolastico. La seconda esplosione a pochi minuti di distanza contro una stazione di polizia, non ha provocato vittime. Poco dopo  nel nord di Baghdad un kamikaze si è fatto saltare in aria in mezzo a un gruppo di pellegrini sciiti, provocando almeno 9 morti e 20 feriti. L’esplosione è avvenuta nel quartiere di Qahira mentre i pellegrini si dirigevano a piedi verso un mausoleo per commemorare la morte dell’imam Mohammed al-Jawad, nono imam dell’Islam sciita.

Diritti umani, Le Quoc Quan avvocato e attivista in Vietnam condannato a due anni di carcere

Le Quoc Quan protestsL’accusa è quella di evasione fiscale ma in realtà l’atto di condanna deriva dall’ aver assunto la difesa legale di oppositori del regime di Hanoi,  e per aver denunciato dal suo blog la corruzione, gli abusi di potere e l’assenza di democrazia e libertà d’espressione.

Roma, 6 ottobre  – I giudici del tribunale di Hanoi hanno condannato l’avvocato e attivista cattolico Le Quoc Quan, arrestato gà nel 2007 e nel 2011,  a 30 mesi di prigione e al pagamento di 56mila dollari di multa per il reato di evasione fiscale. Le Quoc Quan si occupa di diritti umani da anni e nel 2008 gli era stata revocata anche la licenza di avvocato. Durante il processo, che è durato solo due ore,  all’esterno migliaia di cattolici insieme a buddisti hanno manifestato il proprio sostegno per le vie della capitale, chiedendo la libertà dell’avvocato cattolico oltre al diritto di pensiero e di religione. Le Quoc Quan va ad aggiungersi a decine di oppositori, scrittori, giornalisti, sacerdoti, blogger e avvocati finiti in carcere negli ultimi due anni, per aver espresso pacificamente le proprie opinioni. Il governo vietnamita controlla severamente i media cartacei, televisivi e telematici, chi diffonde informazioni o scritti contro il governo è perseguito penalmente e rischia lunghe pene detentive e l’internamento in campi di rieducazione.

 

‘Sorridi che ti passa’, il 4 ottobre si celebra il ‘World smile day’

world_smile_day_2013_poster_20x28-r579cbbb573da4f5bb47235fa1a35755c_kmk_8byvr_324Domani è la ‘Giornata mondiale del sorriso’, ideata da Harvey Ball padre dell’emoticon più famosa al mondo, lo ‘smile’

Roma, 3 settembre – Basta un sorriso per sentirsi meglio. Lo sapeva bene il compianto  Harvey Ball, padre dello  ”smile”, la faccina sorridente più usata al mondo come emoticon  su sms ed e-mail. Ecco perché ogni anno,  il primo venerdì di ottobre è dedicato al “World Smile Day”, fondato dallo stesso Ball. Perché sorridere migliora la qualità della vita e la resistenza allo stress, rilassa i muscoli e manda in circolo endorfine. Una pratica utilizzata anche in alcuni ospedali grazie alla  ‘geloterapia’. Una ricerca di Ilona Papousek, dell’università austriaca di Graz, dimostra che sorridere abbassa la pressione del sangue e che potrebbe essere un’ottimo esercizio di riabilitazione dopo ictus: l’esercizio del sorriso risulta molto più efficace per combattere la pressione alta rispetto ai programmi standard di esercizio fisico prescritti ai pazienti. Continue Reading

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]