Egitto, sostenitori e oppositori di Morsi domani di nuovo in piazza

EgittoOggi gli appelli arrivati da entrambi gli schieramenti. 

(Adnkronos – Aki) – Roma, 18 luglio – Nuove manifestazioni di sostenitori e oppositori del presidente egiziano deposto Mohamed Morsi sono previste per domani in Egitto dopo gli appelli odierni a scendere in piazza arrivati da entrambi gli schieramenti. L’Alleanza nazionale per il sostegno alla legittimita’, guidata dai Fratelli Musulmani, ha fatto sapere che le manifestazioni di domani ”manderanno al mondo il messaggio che la maggior parte degli egiziani” contesta l’intervento dei militari che il 3 luglio hanno deposto Morsi, primo presidente eletto del Paese. ”Il golpe conferma la fine della sovranita’ del popolo”, hanno aggiunto. Continue Reading

L’Italia è sempre più povera: i dati Istat

istat povertàIl 2012 è stato un anno nero per il nostro Paese: si è registrato un forte balzo della povertà relativa e di quella assoluta. L’Unicef lancia l’allarme per le conseguenze sui minori.

Roma, 17 luglio – Il 2012 è stato un anno nero per l’Italia. Nel Belpaese si è registrato un forte balzo della povertà relativa e di quella assoluta. Il dato è il più elevato mai registrato dall’Istat dal 2005. L’allarme è contenuto nel rapporto presentato oggi a Roma dall’Istituto nazionale di statistica. Secondo l’Istat, nel 2012 nel nostro Paese ci sono state 9 milioni e 563mila persone che vivono una condizione di povertà relativa. Si tratta, in pratica del 15,8 per cento dell’intera popolazione. Continue Reading

Kazakistan, Alfano alle Camere: io e nessun altro ministro era informato

Alfano“Non è mai stata presentata domanda d’asilo da parte della Shalabayeva”.  Di seguito il link del ministero dell’Interno con la relazione integrale del capo della Polizia.   http://www.interno.gov.it/mininterno/export/sites/default/it/assets/files/26/2013_07_16_relazione_sul_caso_Shalabayeva.pdf

Roma, 16 luglio – Alla fine l’unica testa a cadere, almeno per il momento, e’ quella di Giuseppe Procaccini, il capo gabinetto del ministro dell’Interno Angelino Alfano, che si è dimesso dopo le polemiche che hanno investito il suo ruolo nella gestione del caso Shalabayeva, la moglie del dissidente kazako Mukhtar Ablyazov, espulsa dal nostro Paese insieme alla figlia. Oggi, sul tavolo di Alfano e’ arrivata la relazione sulla vicenda del capo della Polizia, Alessandro Pansa. In seguito, il ministro ha riferito alla Camere. Continue Reading

Egitto, portavoce dei Fratelli Musulmani indesiderato in Francia e Inghilterra nel 2012 era in Italia

safwat hijaziSafwat Hijazi nella black list dei due Paesi dal 2009, l’anno scorso ha partecipato al convegno Ucoii a Rimini. 

Roma, 16 luglio – Dopo i mandati di arresto emessi dalla Procura egiziana,  qualche giorno fa arriva anche  il congelamento dei beni per 14 dirigenti della Fratellanza musulmana. Tra questi spiccano i nomi della Guida generale Mohammed Badia, del suo predecessore Mohammed Mahdi Akef, dei due attuali numero due Khayrat Shater e Mohammed Rashad Bayumi, di Mohammed Saad Katatni leader del braccio politico del movimento, il partito Libertà e Giustizia, e del suo vice Essam Erian, dell’ex deputato Mohammed Baltaghi e del portavoce Safwat Hijazi (Higazi in egiziano). Proprio quest’ultimo è  ritenuto tra i responsabili della morte di numerosi manifestanti. Continue Reading

Mediazione civile e commerciale, Confsal: misure urgenti per il rilancio

Logo_LIF57201394456Oggi a Roma il forum Lif su lavoro, istruzione e formazione. 

Roma, 16 luglio – Nel secondo appuntamento, che si è tenuto  oggi a Roma, il forum Lif affronta il tema della mediazione civile e commerciale nel collegato lavoro, in relazione al travagliato iter legislativo e alla difficile attualità della crisi lavorativa del settore. “Va detto -spiega la Confsal – che è l’Europa a chiederci da tempo di abbattere i tempi dei procedimenti civili e di sviluppare politiche che riducano il tasso di litigiosità”.  Continue Reading

Egitto, il Ramadan non ferma le violenze: Al Cairo 7 morti e 261 feriti

EgittoGli scontri scoppiati dopo l’ifthar tra  i sostenitori di Mohamed Morsi e le forze di sicurezza egiziane.

Roma, 16 luglio – Nonostante gli appelli ad una tregua durante il Ramadan, continuano i disordini in Egitto. Subito dopo l’ifthar, la rottura serale del digiuno, questa notte 7 persone sono morte e 261 ferite negli scontri scoppiati Al Cairo  tra i sostenitori del deposto presidente Mohamed Morsi e le forze di sicurezza egiziane. A dare la notizia  il capo dei servizi di emergenza, Mohamed Sultan.  Gli ultimi episodi di violenze nella capitale risalgno all’8 luglio scorso, quando sono morti 55 sostenitori dei Fratelli musulmani surante l’ assalto al quartier generale della Guardia repubblicana.

Kazakistan, il Cir chiede risposte su rispetto normativa italiana e internazionale

99251270_ablyazov_352433c-400x266“Nell’indagine siano chiariti sei aspetti fondamentali”. 

Roma, 15 luglio – “In previsione della relazione del ministero dell’Interno al Parlamento e dell’indagine che Pansa si appresta a fare, il Consiglio italiano per i rifugiati (Cir), che ha saputo dell’espulsione della signora Shalabayeva e della figlia il 31 maggio scorso – purtroppo a danno già avvenuto – e che l’ha resa pubblica già dal 4 giugno scorso indirizzando lo stesso giorno anche una lettera al ministro degli Esteri, Emma Bonino, richiede che siano chiariti nell’indagine 6 aspetti fondamentali. Tutti aspetti legati alla violazione di norme nazionali e internazionali”. E’ quanto si legge in una nota del Consiglio italiano per i rifugiati (Cir).  Continue Reading

Caro benzina, l’Italia ha il record europeo: colpa delle tasse

caro benzinaIl Codacons ha quantificato, rispetto a tre anni fa, una spesa di 27 euro in più per un pieno. 

Roma, 15 luglio 2013 –  Puntuale come l’estate arriva il rincaro dei carburanti in Italia. I prezzi di benzina & co sono in rialzo e meritano il primato di essere i più cari d’Europa. Il Codacons ha quantificato, rispetto a tre anni fa, una spesa di 27 euro in più per un pieno di benzina. Secondo la Cgia di Mestre, con un prezzo medio della benzina pari a 1,742 euro al litro, gli automobilisti italiani sono, dopo gli olandesi (1,797 euro al litro), i più penalizzati dell’Unione europea. E la colpa è delle tasse. Continue Reading

Kazakistan, Unione Sarda: incontro Berlusconi Nazarbayev in Gallura

villa gallura

 Ingresso della villa in cui il presidente kazako Nazarbayev ha trascorso le vacanza in Galluta – Foto Satta .

Hanno discusso del prelievo e del rimpatrio forzato della moglie e della figlia del dissidente Mukhtar Ablyazov.

Roma, 15 luglio – Una visita durata poche ore durante il quale Berlusconi e il presidente del Kazakistan, Nursultan Nazarbayev, hanno discusso del prelievo e del rimpatrio forzato della moglie e della figlia del dissidente kazako Mukhtar Ablyazov, uno degli oppositori del regime che vive da rifugiato politico a Londra. E’ quanto rivela oggi l’Unione Sarda che, dalle pagine del quotidiano, racconta dell’incontro avvenuto a Puntaldìa, un porto turistico nel di San Teodoro, dove il presidente kazako avrebbe trascorso alcuni giorni di vacanza proprio a inizio luglio. Continue Reading

Caso Shalabayeva, Farnesina: ministero non era al corrente dell’espatrio


++ Caso Ablyazov: Farnesina, da questura no indicazioni ++(Foto Ansa)

 

La richiesta fatta dall’ufficio immigrazione della Questura di Roma faceva riferimento alla signora Alma con il suo nome da ragazza e non dava alcuna indicazione che potesse fare risalire al dissidente kazako.

Roma, 13 luglio – Un pasticcio burocratico, un giallo o un intrigo internazionale. La vicenda di Alma Shalabayeva, moglie del dissidente Ablyazov rimpatriata in Kazakhistan con la figlia a fine maggio, continua a rimanere un mistero. Mentre la donna si trova agli arresti domiciliari a casa del padre nel suo Paese, in Italia la vicenda si trascina e il Movimento 5 Stelle con Sel chiedono le dimissioni del ministro dell’Interno Angelino Alfano. Intanto, fonti della Farnesina fanno sapere che il fax del 29 maggio alla Questura di Roma si limitava a rispondere se Alma Shalabayeva avesse o no copertura diplomatica e non poteva collegare la signora al marito rifugiato politico in Gb, ribadendo che il ministero non era al corrente del provvedimento di espatrio. Continue Reading

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]