L’ergastolo è una pena inumana e degradante: lo ha deciso la Corte europea

301201394035aUna sentenza boccia il carcere a vita e la Lidu aggiunge: è una pena anticostituzionale anche in Italia.

Di Maria Vittoria Arpaia

Roma, 13 luglio – La Corte di Strasburgo con la  sentenza 3896 emessa il 9 luglio scorso sul caso Vinter in Regno Unito, ha stabilito che il fine pena mai, il cosiddetto ergastolo ostativo è una pena che viola le norme dei diritti umani europee. Il ricorso era stato presentato da tre detenuti condannati all’ergastolo e la sentenza di condanna sulla pena definita dalla Cedu “inumana e degradante” è stata emessa con 16 voti a favore ed uno contrario. “Abbiamo sempre sostenuto – ha commentato il presidente Lidu onlus Alfredo Arpaia -che l’ergastolo rappresenta di per sé una modalità di espiazione della pena di tipo afflittivo che toglie, a chi la subisce, ogni speranza di riconquista di un piccolo spazio di libertà dopo aver scontato una pena che, secondo lo spirito della Costituzione, dovrebbe avere finalità rieducative e di recupero. Siamo in attesa e ci adopereremo perchè ciò avvenga”. Continue Reading

Kazakhistan, il caso di Alexandr Pavlov perseguitato come Shabalanieva

4EFD5E16-BF1B-4666-A94A-4584A12852F1_mw1024_n_sUomo  di Ablyazov  si trova in Spagna. La Ong ‘Open dialog foundation’ denuncia  la richiesta delle autorità di estradarlo.

Roma, 13 luglio – Ancora un caso di estradizione che riguarda il Kazakhistan. Questa volta, però, il Paese a cui viene chiesto l’asilo politico è la Spagna. La redazione di ‘Dailycases’ è venuta in possesso di un documento di ‘Open dialog foundation’, una Ong internazionale che si occupa della tutela dei diritti umani, che denuncia la richiesta delle autorità di  estradare dalla Spagna Alexandr Pavlov, uomo di Ablyazov leader dell’opposizione in Kazakisthan e marito di Alma Shabalanieva.

“Col pretesto di false accuse di terrorismo – si legge – le autorità kazake vorrebbero estradare un altra persona del gruppo che ruota intorno a Mukhtar Ablyazov, leader dell’opposizione avverso a Nursultan Nazarbayev, presidente del Kazakisthan. Si tratta del suo capo security Alexandr Pavlov. Guardando alla oscura natura della richiesta, la Open dialog foundation chiede alle autorità del regno di Spagna di impedire l’estradizione di Alexandr Pavlov per il Kazakisthan dove sarà messo di fronte a procedimenti criminali a sfondo politico”. Continue Reading

Caso Shalabayeva, Farnesina: ministero non era al corrente dell’espatrio


++ Caso Ablyazov: Farnesina, da questura no indicazioni ++(Foto Ansa)

 

La richiesta fatta dall’ufficio immigrazione della Questura di Roma faceva riferimento alla signora Alma con il suo nome da ragazza e non dava alcuna indicazione che potesse fare risalire al dissidente kazako.

Roma, 13 luglio – Un pasticcio burocratico, un giallo o un intrigo internazionale. La vicenda di Alma Shalabayeva, moglie del dissidente Ablyazov rimpatriata in Kazakhistan con la figlia a fine maggio, continua a rimanere un mistero. Mentre la donna si trova agli arresti domiciliari a casa del padre nel suo Paese, in Italia la vicenda si trascina e il Movimento 5 Stelle con Sel chiedono le dimissioni del ministro dell’Interno Angelino Alfano. Intanto, fonti della Farnesina fanno sapere che il fax del 29 maggio alla Questura di Roma si limitava a rispondere se Alma Shalabayeva avesse o no copertura diplomatica e non poteva collegare la signora al marito rifugiato politico in Gb, ribadendo che il ministero non era al corrente del provvedimento di espatrio. Continue Reading

Ius soli, Boldrini: chi nasce qui è italiano

Boldrini Il presidente della Camera da Lamezia Terme sul tema dei figli di immigrati nati nel nostro Paese. 

Roma, 13 luglio – “In tempi di globalizzazione non si può ignorare la realtà e cioè che nel Paese ci sono persone che vengono da altri luoghi ma che fanno parte della nostra società. In Italia ci sono oltre quattro milioni di immigrati. Tanti figli di questi immigrati sono nati qui e sono cresciuti con i nostri figli. Bisogna prendere atto del fatto, quindi, che sono italiani”. Così il presidente della Camera, Laura Boldrini che da Lamezia Terme, in visita per la cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria a 400 bambini stranieri, torna sullo ius soli. Continue Reading

Kazakhistan,vertice a Palazzo Chigi: il Governo revoca l’espulsione Shalabayeva


++ Caso Ablyazov: Farnesina, da questura no indicazioni ++(Foto Ansa)

Il premier Letta non ne era informato. Disposte indagini per accertare responsabilità

Roma, 12 luglio – Si infittisce il mistero sull’espulsione dall’Italia di Alma Shalabayeva  e della figlia di appena sei anni il 31 maggio scorso. Oggi in un vertice a Palazzo Chigi a cui hanno partecipato tutti i ministri interessati e il Presidente Letta, è emerso che nessuno era stato informato dell’imminente atto che ha messo in serio pericolo la vita stessa della Shalabayeva. La donna infatti, moglie del dissidente kazako Mukhtar Ablyazov, esule a Londra dal 2009, appena espulsa dal nostro paese è stata fatta salire su un aereo privato che l’ha riportata in Kazakisthan, dove da un mese è agli arresti domiciliari insieme alla figlioletta. Continue Reading

2013: Anno della cittadinanza europea, l’azione della Lidu

mariciabagnatofidhI diritti umani sono diventati materia comune agli scopi ed alle finalità  di chiunque voglia contribuire al rinnovamento degli ideali e dell’etica fondamentale per l’azione sociale dei  giovani.

La Lidu (Lega Italiana  dei Diritti Umani) membro di Fidh (Federazione Internazionale – Parigi), e l’ Aedh  (Association Européenne de Défense des Droits Humains)  con sede a Bruxelles, tutte Ong(Organizzazioni Non Governative) hanno come scopo la difesa e la promozione dei Diritti Umani presso l’UE  e sostengono ogni iniziativa tendente alla formazione, alla promozione ed alla difesa dei Diritti Umani, riconosciuti ormai nella loro universalità, indivisibilità ed effettività. Continue Reading

La Lidu su caso Paplov fa rete con Associazioni diritti umani in Spagna

liduLidu( Lega italiana diritti dell’uomo) interviene urgentemente  in difesa di Alexandr  Paplov dopo richiesta d’aiuto di Open Dialog Foundation

Di Maria Vittoria Arpaia

Roma, 12 luglio – Dopo l’incontro di ieri con l’Open Dialog Foundation, la Lidu onlus non ha perso tempo e il presidente,  Alfredo Arpaia, ha scritto immediatamente una lettera a tutte le leghe spagnole facenti capo alla Aedh (Association européenne pour la défense des droits de l’homme) e alla Fidh ( Fédération internationale des ligues des droits de l’homme), sull’urgente caso di Alexandr Paplov, ex guardia del corpo Kazaka, falsamente accusato di terrorismo dal regime dittatoriale e poliziesco instaurato dal presidente Nursultan Nazarbayev, ed arrestato a Madrid l’11 dicembre del 2012. Continue Reading

Il Vaticano toglie l’ergastolo: un esempio per l’Italia

comunità papa giovanniRamonda: “Diamo a chi ha sbagliato la possibilità di riparare”.

 Roma, 12 luglio – “La scelta di Papa Francesco resa nota ieri di abolire l’ergastolo dal codice penale Vaticano è un esempio che dovrebbe seguire anche l’Italia, impegnata com’è ad affrontare l’emergenza carceri”. E’  quanto dichiara Giovanni Ramonda, responsabile generale della Comunità Papa Giovanni XXIII. Continue Reading

Pakistan, Malala nella sede Onu: non sarò ridotta al silenzio dai talebani

Malala

La 16enne sopravvissuta ad un attacco talebano parla nel palazzo di vetro e ricorda la sua battaglia per l’affermazione del diritto allo studio. 

Roma, 12 luglio – Malala ha solo 16 anni ma non ha paura di parlare dei talebani, non come i suoi nemici, ma come persone di cui avere pena. Nel giorno del suo compleanno la giovane pakistana, sopravvissuta ad un attacco talebano lo scorso ottobre, parla nella sede newyorchese delle Nazioni Unite, davanti a una platea di centinaia di studenti provenienti da più di 80 Paesi e diplomatici riuniti nel palazzo di vetro.

(foto thepostinternazionale.it) Continue Reading

Si del Cdm, stop a distinzione tra figli naturali e legittimi

figli

Approvato il decreto legislativo sulla filiazione.

Roma, 12 luglio – Cancellata la distinzione tra figli naturali e figli legittimi. Il Consiglio dei ministri ha approvato il il decreto legislativo in materia di filiazione che prevede la “modifica della normativa vigente al fine di eliminare ogni residua discriminazione rimasta nel nostro ordinamento fra i figli nati nel e fuori dal matrimonio, così garantendo la completa eguaglianza giuridica degli stessi”. La norma, inoltre, introduce “il principio dell’unicità dello stato di figlio, anche adottivo” e dunque “l’eliminazione dei riferimenti presenti nelle norme ai figli ‘legittimi” ed ai figli ‘naturali” e la sostituzione degli stessi con quello di ‘figlio'”.  Continue Reading

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]