Strasburgo, al vaglio retroattività legge Severino in caso analogo a Berlusconi

corte-strasburgo-01-largeCorte Europea dei diritti dell’Uomo accoglie ricorso di candidato del Molise escluso da legge Severino. Si apre spiraglio per ricorso Berlusconi

Roma, 21 gennaio – La Corte europea ha accolto la richiesta di Marcello Miniscalco, candidato del Psi alle Regionali del Molise. Si tratta di decidere sulla retroattività della legge Severino sull’incandidabilità. Il caso si riferisce a un candidato alle regionali del Molise, Marcello Miniscalco, ma questo primo sì della Corte ha un rilievo anche rispetto al caso analogo di Silvio Berlusconi. Ora la Corte dovrà valutare la fondatezza del ricorso. La Corte di Strasburgo opera infatti, in due fasi: la prima è la valutazione di ricevibilità, la seconda è quella sulla fondatezza del ricorso. “La decisione – spiega l’avvocato di Miniscalco, Francesco Saverio Marini  – “ha una valenza anche rispetto alla vicenda di Silvio Berlusconi, visto che anche l’ex premier ha presentato un analogo ricorso a Strasburgo per violazione dell’art. 7 della convenzione”. Continue Reading

Mario Mauro, India a rischio violazione diritti umani per caso Marò

++ INDIA: MARO'; IN TRIBUNALE A KOCHI, NUOVA UDIENZA 18/6 ++Ministro della Difesa critico su radio1 Rai su condizione Marò in India: da due anni detenuti ma senza accuse chiare

Roma, 21 gennaio – “Ci preme sottolineare che a dispetto di cosi’ tanto tempo senza la formulazione di accuse, e’ del tutto plausibile che Latorre e Girone tornino a casa: e’ l’unica soluzione che puo’ preservare l’India dall’accusa di violazione dei diritti umani. In quale Paese democratico si puo’ accettare che trascorrano due anni in un regime di privazione della liberta’ senza che il presunto reo si veda formulata un’accusa chiara?”. Lo ha detto il ministro della Difesa italiano, Mario Mauro intervenuto questa mattina a Prima di tutto, il programma di Antonio Preziosi su Radio 1 Rai. “Massimiliano e Salvatore sono innocenti” – continua Mauro – “semmai spetta alle autorita’ indiane provare il contrario. Continue Reading

Kyenge: abolizione del reato di clandestinità è atto di civiltà e rispetto delle diverse realtà

kyenge 3Senato approva emendamento del governo che trasforma il reato in illecito amministrativo, ma non per i recidivi.

Roma, 21 gennaio – “Il Senato abroga il reato di clandestinità che viene sostanzialmente trasformato in illecito amministrativo: chi per la prima volta entra clandestinamente nel nostro Paese non verrà più sottoposto a procedimento penale. L’ampia maggioranza espressa al Senato è indice di civiltà e rispetto delle diversità. Un ulteriore passo in avanti che ci avvicina all’Europa”, così il ministro all’Integrazione Cecilie Kyenge subito dopo il voto al Senato, che trasforma di fatto il reato di clandestinità in un illecito amministrativo. L’emendamento, approvato dall’Aula del senato con 182 voti a favore, 16 contrari e 7 astenuti, è inserito nel disegno di legge sulla depenalizzazione e sulla messa alla prova, che è all’esame dell’assemblea di palazzo Madama, e Continue Reading

Australia, Tony Abbott : fermare i barconi dei migranti

migrantiMigranti intercettati  in mare aperto e rispediti al mittente.

Melbourne 19 gennaio – Migranti intercettati  in mare aperto e rispediti al mittente. E’ quanto sta accadendo in Australia da quando si è insediato il nuovo premier Tony Abbott, che del resto lo aveva promesso in campagna elettorale.  Di recente è questa la sorte a cui sono andate incontro almeno due imbarcazioni provenienti dall’Indonesia. La polizia indonesiana ha infatti dichiarato di aver soccorso proprio nei giorni scorsi un battello che si trovava al largo dell’isola di Roti, nel Sud dell’arcipelago: a bordo 45 persone senza documenti, originarie dell’Africa e del Medio Oriente. Le autorità hanno dichiarato che i migranti erano stati rimandati indietro dalla marina australiana. In precedenza la stessa cosa era accaduta a un’imbarcazione che trasportava una cinquantina di migranti, in gran parte della Somalia e del Sudan. Con questo comportamento il nuovo governo non solo si libera di stranieri indesiderati ma rende vano anche l’operato degli intermediari, Continue Reading

Incontro tra Fng e Ang: studiare in mobilità è risorsa per giovani

agenzia_nazionale_giovaniErasmus+, Semestre Europeo, Youth Empowerment: l’agenda dei giovani

 Roma, 16 gennaio– Si è tenuto ieri a Roma l’incontro tra i rappresentati del Forum Nazionale Giovani e l’Agenzia Nazionale per i Giovani, per discutere delle linee strategiche e degli impegni comuni di quest’anno. Tra gli obiettivi: la promozione di Erasmus+, il nuovo Programma Europeo a supporto dell’Istruzione, della Formazione, della Gioventù e dello Sport; la valorizzazione del Dialogo Strutturato, lo strumento della Comunità Europea per ridurre la distanza tra giovani e le istituzioni europee, per armonizzare le politiche dei Paesi membri in materia di gioventù e per coinvolgere direttamente i giovani nelle decisioni che li toccano da vicino; il ruolo dei giovani nel corso del Semestre italiano di Presidenza Europea e la valorizzazione degli strumenti di Youth Empowerment. Continue Reading

Puglia, nasce ‘Insieme per l’arte’, per custodire il patrimonio artistico tra le righe di versi poetici

1045052_393405360777570_649890559_nLa poesia per risvegliare le coscienze e salvare le bellezze architettoniche e culturali nazionali, è questo il compito del comitato nato in provincia di Foggia

di Ella Grimaldi

Roma, 9 dicembre – ‘Insieme per l’arte’ è un progetto d’amore e nasce dall’intuizione di quattro professionisti pugliesi, uniti dalla passione per l’arte. Il comitato, nato in Puglia, si avvale  della collaborazione di istituzioni locali ma soprattutto di  un gruppo di poeti e artisti di varie regioni d’Italia, che hanno aderito all’iniziativa ed hanno deciso di mettere a disposizione il proprio estro gratuitamente a servizio della cultura. “Una poesia per l’arte” oppure “L’arte per l’arte” : una sintesi in due parole. Continue Reading

Cina, passa deroga alla legge sul figlio unico, ma solo in città

legge-del-figlio-unico-cina-cittàIl Comitato permanente dell’Assemblea nazionale del popolo approva un pacchetto di riforme: ora nei centri urbani sarà possibile avere due figli. Via libera anche all’abolizione dei campi di lavoro.

 Roma, 28 dicembre – La politica cinese del ‘figlio unico’, istituita con legge del 1980, è arrivata al capolinea. Almeno nei centri urbani della Repubblica popolare cinese, dove sarà possibile mettere al mondo anche il secondo figlio a coppie in cui uno dei due coniugi è figlio unico. Lo ha stabilito il Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo che ha  approvato un pacchetto di riforme del partito comunista. Una decisione presa a seguito del calo demografico che ha ridotto di 3 milioni i lavoratori cinesi nello scorso anno. Nel pacchetto riforme Continue Reading

Cpa Elmas: Kyenge, «Urge monitoraggio per garantire standard dignitosi»

safe_imagePer ministro Integrazione la priorità è la dignità delle persone

Roma, 19 dicembre – Per la ministra Kyenge: «L’area aeroportuale di Cagliari non è una collocazione adeguata per un centro di prima accoglienza. I tristi fatti accaduti a Lampedusa evidenziano un sistema che va assolutamente rivisto: siamo di fronte a tempi di trattenimento ben oltre i limiti fissati dalla legge, incidenti e frequenti tensioni all’interno delle strutture. Condizioni lesive della dignità della persona». Così la ministra per l’Integrazione Cécile Kyenge ha commentato la situazione  del centro di Primo soccorso e accoglienza di Cagliari «Urge un monitoraggio – dichiara la Kyenge – e nuove linee guida per ripensarne la collocazione delle strutture, le modalità di assegnazione e revoca della gestione, i livelli di accoglienza, le modalità di trattamento degli ospiti. Ce lo impone, prima di tutto la coscienza, senza considerare che l’Unione Europea minaccia di non rinnovare il sostegno economico per l’accoglienza dei rifugiati e dei migranti se non sapremo garantire standard dignitosi».

 

“Diverse identità, uguali diritti”, un convegno nell’ambito della mostra ‘Arte Diversamente’

1466256_472063156245123_1911669320_n65° Anniversario della dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, al teatro dei dioscuri al Quirinale la mostra d’arte dedicata ai diversamente abili ospita un incontro sul tema

Roma, 5 dicembre – Sabato 7 dicembre alle ore 18,00 nell’ambito della mostra d’arte ‘Diversamente arte’ dedicata ai diversamente abili ed inaugurata il 2 dicembre scorso, avrà luogo presso la sala convegni del Teatro dei Dioscuri al Quirinale, via Piacenza 1 – Roma, l’incontro a tema ‘Diverse identità, uguali diritti’, curato da Tiziana Primozich, giornalista( Lidu onlus), e Patrizia Torrisi (Mibact). L’iniziativa, collegata al 65° anniversario della Dichiarazione universale dei Diritti dell’Uomo,  nasce grazie alla sensibilità di Antonio Eroi, presidente del Consiglio della Provincia di Reggio Calabria e membro del Consiglio d’Europa, che, con il supporto di tutti i consiglieri provinciali, ha aderito all’iniziativa presentata dalla Comunicreando in tandem con associazione Promuovi, già impegnata su vari fronti nel sociale. Scopo dell’evento è la valorizzazione dell’attività creativa di chi vive la condizione di diversamente abile, a dimostrazione che la sfera delle emozioni espresse attraverso l’opera d’arte viaggia su binari metafisici raggiungendo sempre le corde più interiori Continue Reading

Mandela, per Kyenge una luce che non si spegnerà mai

mandela_traditional_costumeIl ministro all’Integrazione su scomparsa Nelson Mandela: ‘lascia a tutto il mondo un messaggio di convivenza civile’.

Roma, 6 dicembre – “Piango un uomo, un simbolo, un’icona che ha dedicato la propria vita ai valori della fratellanza e della non violenza”. Lo ha dichiarato la ministra per l’Integrazione Cécile Kyenge dopo aver appreso della scomparsa del Premio Nobel per la pace Nelson Madiba Mandela. “Lascia a tutto il mondo – ha proseguito la ministra – un messaggio di convivenza civile che ci ha accompagnato per tutto il XX secolo e che accompagnerà le future generazioni nei secoli a venire. Si è spento l’uomo ma ha lasciato accesa la sua luce, una fiamma che dovremo continuare ad alimentare trasmettendo il suo essere, i suoi insegnamenti. In lui mi sono riconosciuta interamente e, nonostante la sua vita complicata, ci ha sempre donato un sorriso. Da oggi – ha concluso Kyenge – si affianca ai grandi della storia, quei grandi che, con il loro esempio, continuano ad indicarci la via da percorrere”.

 

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com