Confsal: in Italia 4 liti ogni 1000 abitanti, serve la mediazione civile e commerciale

nigi_marco_paolo--400x300Obiettivi: alleggerire l’enorme contenzioso civilistico  e allineare il Paese al resto dell’Europa in materia di risoluzione amichevole dei conflitti.

Roma, 15 luglio.  Domani pomeriggio nel forum Lif nato in Confsal per promuovere il confronto con la governance istituzionale, con inizio alle 15.30 nella sala Capitolare del chiostro del convento di Santa Maria sopra Minerva, a Roma, in piazza della Minerva 38, si parlerà di mediazione civile in Italia. Due gli obiettivi della sua introduzione: alleggerire l’enorme contenzioso civilistico italiano e allineare il paese al resto dell’Europa in materia di risoluzione amichevole dei conflitti. Basti dire che siamo tra i maggiori produttori di litigiosità (4 liti ogni 1000 abitanti) e che stiamo ai primi posti per lunghezza delle cause civili (564 giorni per un processo di primo grado, 8 anni per un tempo complessivo del grado definitivo di giudizio). Continue Reading

Kazakhistan, il caso di Alexandr Pavlov perseguitato come Shabalanieva

4EFD5E16-BF1B-4666-A94A-4584A12852F1_mw1024_n_sUomo  di Ablyazov  si trova in Spagna. La Ong ‘Open dialog foundation’ denuncia  la richiesta delle autorità di estradarlo.

Roma, 13 luglio – Ancora un caso di estradizione che riguarda il Kazakhistan. Questa volta, però, il Paese a cui viene chiesto l’asilo politico è la Spagna. La redazione di ‘Dailycases’ è venuta in possesso di un documento di ‘Open dialog foundation’, una Ong internazionale che si occupa della tutela dei diritti umani, che denuncia la richiesta delle autorità di  estradare dalla Spagna Alexandr Pavlov, uomo di Ablyazov leader dell’opposizione in Kazakisthan e marito di Alma Shabalanieva.

“Col pretesto di false accuse di terrorismo – si legge – le autorità kazake vorrebbero estradare un altra persona del gruppo che ruota intorno a Mukhtar Ablyazov, leader dell’opposizione avverso a Nursultan Nazarbayev, presidente del Kazakisthan. Si tratta del suo capo security Alexandr Pavlov. Guardando alla oscura natura della richiesta, la Open dialog foundation chiede alle autorità del regno di Spagna di impedire l’estradizione di Alexandr Pavlov per il Kazakisthan dove sarà messo di fronte a procedimenti criminali a sfondo politico”. Continue Reading

Ius soli, Boldrini: chi nasce qui è italiano

Boldrini Il presidente della Camera da Lamezia Terme sul tema dei figli di immigrati nati nel nostro Paese. 

Roma, 13 luglio – “In tempi di globalizzazione non si può ignorare la realtà e cioè che nel Paese ci sono persone che vengono da altri luoghi ma che fanno parte della nostra società. In Italia ci sono oltre quattro milioni di immigrati. Tanti figli di questi immigrati sono nati qui e sono cresciuti con i nostri figli. Bisogna prendere atto del fatto, quindi, che sono italiani”. Così il presidente della Camera, Laura Boldrini che da Lamezia Terme, in visita per la cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria a 400 bambini stranieri, torna sullo ius soli. Continue Reading

Il Vaticano toglie l’ergastolo: un esempio per l’Italia

comunità papa giovanniRamonda: “Diamo a chi ha sbagliato la possibilità di riparare”.

 Roma, 12 luglio – “La scelta di Papa Francesco resa nota ieri di abolire l’ergastolo dal codice penale Vaticano è un esempio che dovrebbe seguire anche l’Italia, impegnata com’è ad affrontare l’emergenza carceri”. E’  quanto dichiara Giovanni Ramonda, responsabile generale della Comunità Papa Giovanni XXIII. Continue Reading

Kazakhistan, Rapporto Amnesty: la tortura è radicata. Nessuno è responsabile

amnesty-international-logo

 Il presidente Nursultan Nazarbaev inganna  la comunità internazionale con promesse non mantenute.

Roma, 11 luglio – In un nuovo rapporto pubblicato oggi, Amnesty international ha accusato il presidente del Kazakhistan, Nursultan Nazarbaev, di ingannare la comunità internazionale con promesse non mantenute di sradicare la tortura e indagare sull’uso della forza letale da parte della polizia. Il rapporto, intitolato ‘Vecchie abitudini: l’uso regolare della tortura e dei maltrattamenti in Kazakhistan’, denuncia come le forze di sicurezza agiscano con impunità e come la tortura nei centri di detenzione sia la norma.  Continue Reading

Gioco d’azzardo, allarme Codici: i giovani a rischio debito

gioco d'azzardo

Secondo l’indagine dell’Associazione il 25% degli studenti intervistati ha dichiarato di aver giocato almeno una volta nella vita alle slot machine.

Roma, 11 luglio – S. ha 41, vive a Roma e da 3 anni è affetta da Gap, Gioco d’azzardo patologico. Ha una bambina di 7 anni da mantenere, il compagno è cassa integrato. Non ce la fanno a tirare avanti con una casa in affitto e le varie spese. Il gioco è stato per lei prima una salvezza: una vincita di 1300 euro le ha permesso di pagare un mese di affitto e varie bollette, poi una tragedia. I soldi buttati alle slot machine sono tanti per una famiglia umile: circa 20mila euro. E’ quanto racconta, in una nota, Codici, il Centro per i diritti del cittadino. Per S. Codici rappresenta solo uno sfogo, non vuole aiuto, per il momento. Ha paura della reazione del marito quando verrà a sapere dei soldi sperperati in questi anni, probabilmente la lascerà, dice. Continue Reading

Il sesso si paga con i soldi virtuali: è boom di bitcoin

Bitcoin

La moneta virtuale spopola nel mondo dell’eros. Al bando assegni e contanti. Garantito l’anonimato.

Roma, 11 luglio – Sarà la crisi, sarà che l’hi tech avanza, saranno tutte e due le cose insieme, fatto sta che anche il mondo dell’eros si sta adeguando ai tempi che corrono. Niente assegni o contanti, roba vecchia, adesso le prestazioni sessuali si pagano con soldi virtuali, cosiddetti bitcoin.  Lo scriva la giornalista Sabina Cuccaro sul sito Sex and Rome . Usati da vip e imprenditori per non essere ‘tracciati’, stanno diventando la nuova moneta per riciclare affari illeciti,  e anche per il sesso che “non si deve sapere”. Continue Reading

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com