Bologna, sposa 16enne segregata e picchiata da un anno: arrestato marito

By 2 Settembre 2013Italia, Primo piano

foto-arresto-carabinieri-200x150Minorenne  afghana data in moglie a 36enne denuncia abusi, violenza e segregazione

Roma, 2 settembre – Una ragazza di 16 anni di nazionalità afghana ha denunciato il marito, 36 anni,  ai carabinieri di Bologna per abusi, vessazioni, violenza domestica e segregazione. L’uomo, che stamani è stato tratto in arresto dai militari dell’Arma, era sposato con la minore da un anno, grazie ad un accordo fatto tra le famiglie di origine. Da quel momento la ragazza si è trovata rinchiusa in casa ed ha subito ogni tipo di violenza fisica e morale. Addirittura  sarebbe stata costretta dal marito a bere del detersivo per i piatti, in seguito ad un suo tentativo di uscire di casa. E poi calci, pugni anche all’esterno delle mura domestiche come sabato scorso, quando un ufficiale non in servizio in quel momento, ha assistito di persona ad uno degli episodi di violenza cui era sottoposta la giovane donna. Il militare, vedendo l’uomo picchiare la giovane, è intervenuto bloccando l’aggressore, mentre la vittima e’ stata accompagnata al policlinico Sant’Orsola Malpighi dove e’ stata medicata e dimessa con una prognosi di 4 giorni per contusioni multiple da percosse. I carabinieri hanno poi saputo  dalla ragazza, fornita di passaporto in cui figurava avesse un’età di 32 anni, che in realtà ne ha solo 16.

 

Lascia un commento