Arte contemporanea e interculturalità a Milano

By 6 marzo 2015Italia

Presentazione del Progetto M-WAM·Milano World Arts Map, il network degli Artisti internazionali che vivono e lavorano a Milano

Logo_M_WAMMilano, 6 marzo –  Lunedì 9 marzo alle 11.30 presso il PAC – Padiglione Arte Contemporanea di Milano si terrà la conferenza “Arte contemporanea e interculturalità a Milano” durante la quale verrà presentato il progetto M-WAM·Milano World Arts Map, il network degli Artisti internazionali che vivono e lavorano a Milano. M-WAM crea una connessione tra Arte Contemporanea e Interculturalità – intesa come visione del mondo contemporaneo e progetto di rinnovamento sociale – apre dialoghi inediti e favorisce la reciproca frequentazione delle culture artistiche milanesi e del mondo, soprattutto in occasione di Expo 2015.
Durante l’incontro saranno approfonditi gli obiettivi, le azioni in corso e quelle future di M-WAM e verranno presentati i risultati della ricerca inedita’International Artists in Milan’ svolta tra un campione di artisti internazionali che hanno scelto Milano per vivere e lavorare.
Verrà presentata la Mappa digitale www.m-wam.org, realizzata in collaborazione con TVN Media Group, che oltre gli Atelier degli Artisti internazionali che vivono a Milano indica anche i principali luoghi dell’interculturalità nelle Arti, come lo stesso PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea, la Fabbrica del Vapore e il Museo delle Culture di prossima apertura, sul quale verranno date alcune anticipazioni.
Inoltre verranno fornite alcune informazioni sull’esito del Contest MILANO CITTÀ MONDO, che ha ottenuto ben 166 applicazioni di artisti italiani e internazionali, alla presenza di due dei membri della prestigiosa Giuria internazionale: le prime immagini della inedita Gallery di una Milano rivisitata artisticamente nella sua dimensione internazionale e multiculturale.
Al termine un brindisi per festeggiare l’avvio ufficiale del Progetto M-WAM, in collaborazione con il Consorzio Tutela del Gavi e i suoi sommelier, per ribadire la vocazione internazionale di una delle eccellenze enologiche italiane.

Lascia un commento