Primo piano

Alla scoperta delle regioni vinicole del mondo: i trend dell’enoturismo 2016

By 29 Aprile 2016 No Comments

Una vacanza all’insegna del buon vino Berlino

Tuscany---HomeToGo(www.hometogo.it/media/enoturismo-2016/) 29 aprile 2016 – I vitigni toscani o quelli abruzzesi, la nota Champagne oppure ancora le verdi colline de El Bierzo o quelle più a nord della tedesca Rheinhessen, le valli d’Australia o i vigneti lungo le coste californiane: l’enoturismo è una realtà con tanto da offrire. www.hometogo.it/media/enoturismo-2016/ , HomeToGo il più grande meta-motore di ricerca per case e appartamenti vacanza, ha selezionato 6 tra i più noti Paesi produttori di vino al mondo suggerendo un soggiorno di un fine settimana, oppure di più, in una villa o in un agriturismo, alla scoperta di paesaggi e tradizioni di realtà vinicole vicine e lontane.

Rheinhessen---HomeToGoL’Italia, la Francia e la Spagna sono tre Paesi dalla tradizione vitivinicola secolare nonché i maggiori produttori di vino in Europa. Mentre i primi due si distinguono per aree e tecniche di produzione consolidate e di risaputo successo, la Spagna, in particolare, sperimenta nuove esperienze sensoriali offrendo percorsi in aree emergenti, un must per veri amanti del vino. Ospitalità, ricca tradizione enogastronomica, clima e paesaggi: davvero non manca nulla per una vacanza all’insegna del buon vino in queste tre regioni mediterranee. Infine la Germania, è anch’essa in grado di stupire con diverse chicche e alcuni record in fatto di vini.


L’Italia – In vino veritas, eccellenze vinicole di fama mondiale

L’Italia non è solo il maggiore produttore di vino al mondo ma è anche patria della più antica tradizione vinicola. Quasi tutte le regioni italiane producono vino, il vino stesso è parte della cultura di questo Paese e radicata componente del modo di vivere nostrano. Oltre 3 milioni i turisti che decidono ogni anno di scoprire il meglio dell’esperienza enoturistica italiana. La Toscana, terra di rubini e granati davvero preziosi, tra cui il Morellino di Scansano e il Brunello di Montalcino, ma, soprattutto, icona del Chianti, è produttrice di alcuni dei vini italiani più richiesti all’estero. Oltre 14 le strade del vino, ognuna con realtà uniche e prodotti gastronomici da provare durante un soggiorno tra le colline toscane in fiore, in una villa o in un agriturismo, magari con patio o piscina, che è possibile trovare su www.hometogo.it. La produzione vinicola del Veneto è tra le maggiori in Italia ed in Europa ed anche tra le più variegate: rossi, bianchi e rosati ma anche passiti e spumanti per oltre 25 DOC e 14 DOCG. Tra i nomi di fama mondiale il rosso Amarone della Valpolicella ed i bianchi Soave e Gambellara; il suo Prosecco, poi, è ormai componente degli aperitivi nel mondo. Anche qui tante le Strade del Vino che guidano alla scoperta di cantine, castelli, borghi e tradizioni enogastronomiche per un fine settimana dal sapore piacevolmente amarognolo o decisamente spumeggiante. Primo propulsore del rilancio dell’enologia italiana nel mondo, il Piemonte, è una regione vitivinicola dalla robusta esperienza ed una superficie vitata che raggiunge persino le zone alpine e prealpine. La zona più celebre in assoluto sono, forse, le Langhe, di recente inserite nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO e culla di due grandi nomi tra i vini piemontesi: il Barolo e il Barbaresco. Famosi anche il Dolcetto d’Alba e l’Asti, realizzato, quest’ultimo dalle sole uve del Moscato bianco. Ben 20.000 le aziende vitivinicole con numerose cantine aperte per degustazioni. Qui quasi il 14% delle ville in affitto sono agriturismi, in grado di offrire ai numerosi turisti, esperti o recenti scopritori del vino, una vera vacanza rustica ai piedi delle Alpi Occidentali. Nonostante il territorio di montagna, tutelato da numerosi parchi e riserve nazionali, l’Abruzzo è la regione che produce quasi il doppio della quantità di vino prodotta ogni anno dalla Toscana. La sua tradizione vitivinicola ha origini davvero antiche, riconducibili agli Etruschi. Tra i vini più conosciuti: il rosso Montepulciano d’Abruzzo, il Cerasuolo, la versione rosé della stessa uva, ed il bianco Trebbiano d’Abruzzo; Pecorino e Passerina due dei vitigni autoctoni da valorizzare. Tanti i Sentieri del Vino da percorrere nella natura dei poliedrici paesaggi abruzzesi riscoprendone borghi medievali, ristoranti ed osterie.

Burgundy---HomeToGoLa Francia – Una cultura del vino dall’influenza internazionale

La Francia è un Paese del vino di fama mondiale, che vanta una forte tradizione vinicola ed una varietà di uve e vini davvero estesa, in grado davvero di conquistare ogni palato. I vini di Bordeaux, regione vinicola nel sud-ovest del Paese, sono considerati le varietà più raffinate che è possibile provare, il risultato della selezione ed unione di alcune tra le uve più note da cui si producono i famosi Merlot e Sauvignon. Oltre alle diverse attività legate all’enoturismo, per i tipi più avventurosi, il Cammino di Santiago di Compostela potrebbe essere una sfida fisica e spirituale da considerare durante un soggiorno nella regione. La Borgogna, regione in cui il clima la fa da padrone, è particolarmente nota per il Pinot nero e lo Chardonnay nonché apprezzata destinazione dagli amanti della natura e gli appassionati di edifici antichi. Il vino spumante più famoso del mondo, lo Champagne, prende il nome dalla regione in cui è prodotto: la Champagne-Ardenne. La Champagne Tourist Route, sentiero del vino della regione, si estende per più di 600 chilometri e porta ad altre località turistiche della regione come Reims e Troyes. Infine, il territorio eterogeneo di Rhône-Alpes, la seconda regione vinicola più grande della Francia, anche nota per la sua gastronomia, è la culla di ben 45 denominazioni diverse, di cui 7 specifiche della Valle del Rodano.

La Spagna – Percorsi del vino tra cantine d’avanguardia

La Spagna, è il perfetto di mix di tradizione e avanguardia. Paese dalla sentita tradizione ed antica storia enogastronomica è il panorama enoico sullo sfondo del quale sono emersi, negli ultimi anni, nuovi importanti vini che stanno ottenendo riconoscimenti a livello internazionale. El Bierzo e Bullas sono due delle regioni vinicole emergenti: la prima, in cui persino l’aria profuma di vino, preferisce la coltura dell’uva autoctona Mencía, una varietà coltivata quasi esclusivamente nella Spagna nordoccidentale dalle fresche note fruttate, la seconda, particolarmente nota per i suoi vini rossi, ospita più di 200 cantine tradizionali ed un museo del vino. È Ribera del Duero la regione vitivinicola spagnola che si sviluppa lungo l’omonimo fiume, distante circa 120km dalla capitale Madrid, cresciuta a tal punto da poter sfidare La Rioja, casa, quest’ultima, nota a livello internazionale per i suoi brillanti e fruttati vini rossi, invecchiati in botti di legno pregiato.

La-Rioja---HomeToGoLa Germania – Con la qualità non si scherza

La Germania, infine, tra tutti il Paese meno noto per la sua produzione vinicola, riserva comunque alcune chicche enoiche per chi volesse percorrere sentieri meno convenzionali. Qui con la qualità non si scherza e gli standard definiti dal sistema di classificazione dei vini tedesco sono piuttosto rigorosi. La viticoltura avviene per lo più nel sud-ovest del Paese su una superficie di circa 102.000 ettari. Il principale vitigno della Rheinhessen, o Renania, “la terra dalle mille colline” nella Germania occidentale, nonché la più grande regione vinicola tedesca, è il famoso Riesling. Il 2016 è l’anno perfetto per una vacanza nella regione che festeggia quest’anno il suo 200° anniversario. È, pero, la più piccola Pfalz, o Platinato, la numero 1 del Riesling, coltivato su oltre 5.000 ettari nella verde Valle del Reno. Uno su tre vini acquistati in Germania proviene da questa regione la cui tradizione vinicola ha origini romane antichissime. P.S. in marzo in mandorli sono in fiore. Baden, invece, si distingue per il clima quasi mediterraneo ed una sentita ospitalità. Il clima, la peculiare composizione del terreno e le rocce di origine vulcanica sono il motivo principale per il quale i vini prodotti nella zona hanno sapori così particolari. Infine, Mosel ha il record mondiale quando si tratta di viticolture su territori in forte pendenza, questo il caso di 3.800 ettari su cui tutto è ancora svolto senza l’utilizzo di macchine.

Australia e California – Mix di culture e tradizioni d’oltreoceano


La produzione di vino in Australia supera il miliardo di litri ogni anno. Qui clima e caratteristiche del territorio conferiscono a ciascun vino un inconfondibile gusto. La Barossa Valley è una delle regioni vinicole più antiche, con oltre 70 cantine da poter visitare per una degustazione, magari di uno dei vini più famosi, il rosso e speziato Shiraz. Nella Yarra Valley, a poco meno di un’ora di distanza da Melbourne, si producono i vini Pinot Grigio e Chardonnay della miglior qualità. Qui meritano una visita non solo cantine ed aziende vinicole ma anche parchi nazionali, gallerie d’arte e mercati locali con prodotti freschi. Con una superficie di circa 200.000 ettari, la California è la più grande regione vinicola degli Stati Uniti, la cui produzione di vino è pari a quasi il 90% della produzione totale. La Napa Valley è riconosciuta a livello internazionale come una delle “Great Wine Capitals”, particolarmente famosa per i vini Chardonnay e Cabernet Sauvignon, dista 90 minuti da San Francisco.Una volta atterrati all’aeroporto Santa Barbara, regione vinicola dalle forti influenze spagnole, si consiglia di noleggiare un’auto per un indimenticabile road trip lungo la costa californiana. Sonoma County, è il perfetto connubio di tradizione vinicola e tutela del territorio, destinazione ideale per una fuga romantica o una rimpatriata tra amici. La Temecula Valley potrebbe sorprendere persino i veri enofili, magari con una degustazione a diversi metri di altezza a bordo di una mongolfiera.

Lo studio, mappe e grafici interattivi, i prezzi di soggiorno nelle diverse destinazioni selezionate e le informazioni relative alla metodologia sono consultabili alla pagina www.hometogo.it/media/enoturismo-2016/

A proposito di HomeToGo

HomeToGo è il più grande meta-motore di ricerca per case e appartamenti vacanza che permette di cercare e confrontare in modo facile e veloce le oltre 6 milioni di offerte disponibili in oltre 200 Paesi e da più di 250 siti diversi. Con i vari filtri a disposizione l’utente può trovare la sistemazione più adatta alle proprie esigenze ordinando le proprietà secondo destinazione, data di arrivo e partenza, prezzo e servizi richiesti. Il quartier generale è a Berlino. Fondata da Patrick Andrä, Wolfgang Heigl e Nils Regge, ad oggi l’azienda conta più di 70 dipendenti ed è attiva in 9 nazioni europee e negli Stati Uniti.

Lascia un commento