Connect with us

Tecnologia

Addio biglietti da visita, arriva la smartcard, il profilo digitale che si scambia con un click

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 3 minuti

Addio biglietti da visita, arriva la smartcard, il profilo digitale che si scambia con un click.

Un’innovazione firmata TAC, la startup che conquista aziende e professionisti: raggiunti i 25.000 utenti attivi in pochissimi mesi.

Un biglietto da visita digitale da scambiare all’istante avvicinando due smarphone e il trasferimento veloce di documenti pesanti con un solo click. Non solo: la vera novità è una smartcard, una carta digitale che può essere brandizzata a seconda delle esigenze delle aziende, in grado di connettersi con qualsiasi smartphone per trasferire e visualizzare le informazioni registrate, che può essere costantemente aggiornata e totalmente green.

La smartcard di TAC, in appena 4 mesi dal lancio dell’app negli store digitali di Apple e Android, ha conquistato 25 mila utenti. Ed i numeri sono in crescita, poiché TAC rappresenta una novità importante per professionisti e società ai quali consente di gestire al meglio le proprie informazioni, con tempi notevolmente ridotti rispetto al passato. 

Due dei co-founder dell’azienda, Matteo Saltarello, Business Developer e Edoardo Costa, Project Manager, sin dalle primissime fasi progettuali hanno pensato a uno sviluppo completamente ecosostenibile. “La smartcard di TAC, oltre ad evitare l’utilizzo di carta o materiali inquinanti, come l’inchiostro, è realizzata in plastica riciclata, in quanto il rispetto dell’ambiente è una delle nostre priorità – sottolinea Matteo Saltarello – insieme all’attenzione che riserviamo alle esigenze dei clienti; può inoltre essere personalizzata con logo e brand identity aziendale.”

Sostenibilità però fa rima anche con innovazione e così i fondatori della startup hanno sviluppato la smartcard puntando sulla velocità di scambio dei profili tra account, grazie alla tecnologia NFC che permette di interfacciarsi con qualsiasi tipo di smartphone, semplicemente avvicinando la carta intelligente. E se l’utente non ha un telefono di ultima generazione, il trasferimento di informazioni è comunque garantito dal QR Code presente sul retro della smartcard. L’innovazione di TAC, che ricordiamo sarà presente a Maker Faire Rome – The European Edition, il più grande evento europeo sull’innovazione in scena dall’8 al 10 ottobre al Gazometro di Roma, ha conquistato aziende di ogni settore, con 50 contratti già stipulati in poche settimane dal suo ingresso nel mercato. 

TAC, che sta per Touch and Contact, attraverso un’app per iOS, Android e un portale web, permette una gestione semplificata  del profilo di ogni professionista, elegante, immediato e ben visibile nell’app, composto da informazioni personali e aziendali, come link social e sito web che si aggiornano in automatico ogni volta che l’utente modifica il proprio account, perché la smartcard è collegata all’app. “Nessun problema se l’interlocutore ancora non è iscritto a TAC, perché abbiamo sviluppato una funzionalità che permette a chiunque di scaricare il profilo direttamente in rubrica” precisa Edoardo Costa. Inoltre alle imprese è consegnato il pannello aziendale da cui supervisionare i nuovi contatti acquisiti dal reparto commerciale e altri risultati rilevanti per la misurazione di efficienza e produttività. 

Il sistema innovativo realizzato da TAC s’inserisce nella scia della transizione digitale, accelerata anche dalla pandemia e dalla necessità di ricorrere allo smart working, in uno scenario nazionale che tuttavia ancora registra un processo di digitalizzazione lento rispetto alle imprese europee. I dati indicano che in Europa il 68% delle aziende è digitalizzato, mentre in Italia solamente la metà, cioè il 34%. Ma il successo di TAC dimostra che c’è domanda in tale direzione e che le novità tech che coniugano efficienza e produttività sono molto richieste dalle imprese. Digitalizzare, infatti, significa anche snellire una serie di processi che richiedono tempo e denaro e sia l’app che la smartcard di TAC, infatti, consentono a ogni azienda un risparmio economico di circa il 40%.

“La smartcard è stata pensata per aiutare il lavoro di aziende e professionisti, ma noi di TAC abbiamo a cuore anche il bene del pianeta in cui viviamo – ha aggiunto Edoardo Costa – e per questa ragione abbiamo già piantato 2.500 alberi, un pensiero green che la nostra generazione deve nutrire sempre”.