Connect with us

Attualità

A Samarcanda in Uzbekistan il prossimo vertice dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shangai

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 5 minuti

La storica città di Samarcanda in Uzbekistan ospita da domani il 22° vertice dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, un vertice tanto atteso quanto carico di aspettative in tema di cooperazione, di sviluppo e di scambi produttivi dei paesi euroasiatici che aderiscono alla SCO (Organizzazione per la Cooperazione di Shangai)

di Gisella Peana

Il 22° vertice dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai si terrà dal 15 al 16 settembre a Samarcanda e sarà il più grande evento diplomatico dell’anno in Uzbekistan e nella regione dell’Asia centrale.

Al vertice dovrebbero partecipare i capi di Stato e di Governo di tutti gli otto membri della SCO, tre stati osservatori, i leader dei Paesi invitati e dieci organizzazioni internazionali.

Le aspettative legate al vertice sono principalmente condizionate dalla crescente autorevolezza, peso politico, potenziale economico e attrattiva internazionale dell’Organizzazione. Oggi la SCO non è solo la più grande organizzazione regionale che occupa il 60% del territorio dell’Eurasia con circa la metà della popolazione mondiale. In più di 20 anni della sua esistenza, è diventato un elemento importante del moderno sistema internazionale e del mantenimento della sicurezza nello spazio eurasiatico. L’enorme potenziale di cooperazione economica tra i Paesi dell’Organizzazione è legato al fatto che il suo PIL totale rappresenta già circa il 25% del PIL mondiale e potrebbe aumentare fino al 35-40% entro il 2030.  

Lo sviluppo del commercio e degli investimenti reciproci da parte degli Stati membri può anche contribuire alla realizzazione di opportunità uniche per espandere l’interconnessione dei trasporti dell’Eurasia e creare nuovi corridoi di trasporto in direzione dell’Asia meridionale e sudorientale, del Medio Oriente, dell’Africa e dell’Europa. L’accelerazione di questi processi sarà stimolata dalla trasformazione digitale, dall’introduzione delle ultime tecnologie e dall’espansione complessiva dei contatti scientifici, tecnologici, educativi e culturale-umanitari.

L’Uzbekistan durante la sua presidenza, in cooperazione con altri Stati membri, ha fatto molto per attirare l’attenzione sulle attività della SCO sia negli Stati membri che a livello globale.

L’agenda dinamica di Tashkent (in programma più di 80 eventi) e lo stile di attività innovativo e orientato ai risultati, hanno notevolmente migliorato l’immagine dell’Organizzazione come struttura vivente che cerca attivamente modi per adattarsi alle nuove realtà internazionali e migliorare le sue attività e l’efficacia della cooperazione multilaterale.

Questioni quali lo sviluppo della cooperazione industriale e tecnologica, l’economia digitale, il commercio intraregionale e l’interconnessione dei trasporti, la sicurezza e la protezione contro le minacce informatiche sono state al centro della presidenza dell’Uzbekistan.

La presidenza dell’Uzbekistan ha anche permesso di dimostrare sia il programma di riforme su larga scala attuato dal Paese, sia la politica estera innovativa, in particolare l’efficacia degli sforzi per promuovere la cooperazione regionale in Asia centrale e ampliare l’interazione della regione con i principali Paesi e associazioni. Questi temi saranno anche al centro del vertice dell’Organizzazione di Shanghai, poiché l’Uzbekistan non è solo il nucleo geografico della SCO, che collega la parte eurasiatica del Gruppo di Shanghai con la parte dell’Asia meridionale, ma anche e non meno rilevante, poiché un’Asia centrale più coesa e cooperativa stia diventando un fattore importante per rafforzare l’interazione tra gli Stati membri, aprendo nuove opportunità per promuovere una cooperazione reciprocamente vantaggiosa.

I solidi risultati della presidenza dell’Uzbekistan e l’ampio pacchetto di accordi da firmare sono la prova dell’enorme potenziale di interazione all’interno della SCO. È prevista l’adozione di oltre 30 documenti volti ad ampliare la multiforme cooperazione dell’Organizzazione.

Gli approcci coordinati degli Stati membri sulle questioni chiave della cooperazione multilaterale e sulle questioni critiche delle relazioni internazionali contemporanee si rifletteranno nel documento politico finale del vertice: la Dichiarazione di Samarcanda. Saranno particolarmente degni di nota e costituiscono decisioni molto importanti: l’adozione del Piano globale di attuazione del Trattato sul buon vicinato, l’amicizia e la cooperazione a lungo termine, documenti chiave della SCO, la cui adesione è necessaria per la partecipazione all’Organizzazione.

Il Concetto di cooperazione per lo sviluppo della connettività e la creazione di corridoi di trasporto efficienti, da adottare al vertice su iniziativa dell’Uzbekistan, è un documento innovativo volto a un uso efficace dell’enorme potenziale di trasporto e logistica dell’Eurasia. La sua attuazione pratica consentirà di formare nella regione SCO una rete diversificata di corridoi di trasporto, comprese rotte come l’Uzbekistan-Kirghizistan-Cina e le ferrovie Termez-Mazar e Sharif-Kabul-Peshawar e l’ITC nord-sud. Il programma di stimolo della cooperazione industriale, proposto anche da Tashkent, è volto a promuovere lo sviluppo industriale degli Stati membri, aumentare gli investimenti industriali reciproci e la formazione di filiere interregionali nell’area SCO.

Alcune decisioni del vertice apriranno una nuova pagina nel processo di espansione dell’Organizzazione di Shanghai. Il documento più importante è il Memorandum sugli impegni di adesione dell’Iran, che consentirà a Teheran di diventare un membro a pieno titolo dell’organizzazione al prossimo vertice in India. Inoltre, un certo numero di Paesi arabi riceverà lo status di partner del dialogo, verranno firmati relativi memorandum con Arabia Saudita, Qatar ed Egitto, che diventerà il primo Paese africano membro della famiglia SCO. Anche la domanda per questo status del Regno del Bahrain dovrebbe essere approvata.

L’adesione dell’Iran agli Stati membri e la concessione dello status di partner di dialogo ai Paesi arabi segnalano il crescente interesse dei Paesi mediorientali nel Gruppo di Shanghai. Come osserva l’Arab News saudita: “la SCO ha ottenuto un enorme successo in tutta l’Asia. Non sorprende che un certo numero di Paesi del Medio Oriente si stia schierando per unirsi come partner di dialogo, osservatori e membri”.

Ciò potrebbe intensificare ulteriormente il dialogo politico e la cooperazione tra l’Uzbekistan e gli stati dell’Asia centrale con il mondo arabo-musulmano e le organizzazioni come il Consiglio di cooperazione per gli Stati arabi del Golfo Persico o la Lega araba.

Una caratteristica importante dell’incontro di Samarcanda dei leader della SCO sarà anche l’alto livello di attività diplomatica, a margine del vertice. I leader degli Stati membri e altri partecipanti e ospiti del vertice terranno una serie di incontri in formato bilaterale e persino trilaterale per discutere le questioni più importanti delle relazioni reciproche. Si può dire che in questi giorni Samarcanda diventerà per un po’ la “capitale diplomatica dell’Eurasia”.

Sarà una buona opportunità per l’Uzbekistan che potrà mantenere intensi contatti diplomatici con i partner e visite ufficiali di numerosi leader nel Paese. Ciò consentirà di compiere progressi significativi nel dialogo politico e nella cooperazione reciprocamente vantaggiosa con i partner della SCO, compresi gli accordi sull’attuazione di una serie di progetti concreti.

Il duro lavoro della diplomazia uzbeka durante la presidenza in SCO, con la partecipazione attiva e il sostegno di tutti gli Stati membri, ha fornito un notevole impulso all’interazione in aree prioritarie di cooperazione multiforme. I diplomatici delle nazioni partner dichiarano che il prossimo vertice aprirà una nuova pagina nel processo di sviluppo dell’Organizzazione di Shanghai e consentirà di raggiungere risultati tangibili nel consolidamento della sua autorità internazionale e del suo ruolo nell’affrontare i temi della sicurezza e dello sviluppo nel vasto spazio eurasiatico.

Print Friendly, PDF & Email