Diritti umaniFeatured

Oggi è il 71° anniversario della Dichiarazione internazionale dei diritti dell’uomo- 10 december 2019: the 71st anniversary of the International Declaration of Human Rights

By 10 Dicembre 2019 No Comments

di emigrazione e di matrimoni

Oggi è il 71 ° anniversario della Dichiarazione internazionale dei diritti dell’uomo

L’editoriale di Alice Mogwe, presidente della Fidh. “Gli amministratori del nostro benessere collettivo”: i difensori dei diritti umani rimangono la chiave per combattere le disuguaglianze

Alice Mogwe, Presidente FIDH

Rivolte popolari si verificano in tutte le regioni del nostro mondo. Sebbene apparentemente disparati e non collegati, questi movimenti sono uniti nel rifiuto di un modello socio-economico elitario che consente disuguaglianze, corruzione, discriminazione, abusi di potere e violazioni dei diritti umani. In risposta, questi movimenti richiedono la costruzione di società che siano più resistenti, inclusive, rispettose ed eque, in modo che le comunità e le persone possano prosperare. Questa visione ambiziosa cerca di prevalere in un mondo segnato da razzismo, incitamento all’odio, bullismo e minaccia dei cambiamenti climatici.

Queste sollevazioni popolari sono espressioni nate da esperienze vissute di esclusione. Generalmente non strutturati attorno a un’ideologia o un partito politico, trascendono i movimenti politici esistenti. Forniscono una voce a coloro che si sono sentiti messi a tacere ed esclusi dai sistemi di governance. Dobbiamo rendere omaggio qui al coraggio di donne, uomini e altri, sia giovani che anziani, che sono scesi in strada, in molti casi, in paesi in cui il diritto di manifestare o il diritto di rivendicare i diritti sono contestati e soppressi.


Il 10 dicembre, anniversario dell’adozione della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (UDHR) nel 1948, ribadiamo il suo significato come punto di riferimento rispetto al quale misuriamo i nostri risultati e le nostre sfide nel nostro ambito civile, politico, economico, sociale, culturale e di sviluppo.

L’UDHR fornisce anche le indicazioni necessarie per la risoluzione di queste crisi, attraverso il rispetto e la protezione, in particolare, del diritto di manifestare; il diritto alla libertà di espressione; il diritto alla parità di protezione della legge; il diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della persona; il diritto all’istruzione, all’assistenza sanitaria, all’alimentazione, all’alloggio e alla sicurezza sociale; uguaglianza tra donne, uomini e altri; il diritto di essere libero da ogni forma di discriminazione; il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione; il diritto a un giusto processo e un processo equo; e il diritto a non essere sottoposto a tortura o ad arresto o detenzione illegali o arbitrari.

Le organizzazioni per i diritti umani nel mondo, oggi, sono attivamente impegnate a sfidare questo status quo usando i tribunali e le istituzioni democratiche funzionanti; denunciando violazioni dei diritti umani; aumentando la consapevolezza del pubblico attraverso i media; utilizzando meccanismi regionali e internazionali, tutti volti a cercare risarcimenti, applicare decisioni e incoraggiare gli Stati a garantire la protezione dei loro cittadini.

Tuttavia, i difensori dei diritti umani sono sempre più presi di mira a causa del loro lavoro, attraverso minacce, campagne diffamatorie, intimidazioni, molestie e sparizioni forzate. Nel 2018, almeno 318 difensori dei diritti umani sono stati uccisi per aver difeso i diritti. Informazioni attendibili hanno indicato che ci sono state rappresaglie contro i difensori dei diritti umani, ad esempio in Turchia, dove i diritti umani e le organizzazioni umanitarie sono stati chiusi e i difensori dei diritti umani arrestati e imprigionati. In Honduras, all’inizio di quest’anno, sono stati attaccati più di 200 difensori dei diritti umani.

A dicembre 2018, a nome di centinaia di difensori dei diritti umani che si erano incontrati al vertice mondiale dei difensori dei diritti umani a Parigi nell’ottobre 2018, ho presentato la Dichiarazione del vertice mondiale dei difensori dei diritti umani all’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Attraverso di essa, abbiamo denunciato come, in tutto il mondo, coloro che difendono i diritti di tutti siano intimiditi, molestati, attaccati, imprigionati o addirittura uccisi. Abbiamo invitato gli Stati “a riconoscere il ruolo essenziale dei difensori dei diritti umani, a proteggere quelli a rischio e ad adottare misure concrete per promuovere un ambiente sicuro e favorevole, anche attraverso l’adozione di piani d’azione nazionali sulla protezione dei difensori dei diritti umani”.

Nell’ultimo anno, poiché le rivolte popolari si sono moltiplicate, la repressione contro i difensori è solo aumentata, in particolare nei casi in cui i difensori dei diritti umani hanno richiesto giustizia sociale, economica o ambientale. Tuttavia, questi difensori sono gli agenti del cambiamento nelle e per le nostre società. Sono gli osservatori, gli informatori e gli amministratori del nostro benessere collettivo.

Tuttavia, a causa della cattura statale di meccanismi investigativi e istituzioni giudiziarie indipendenti regionali e internazionali, la capacità dei difensori di proteggere i diritti umani è ridotta. Organismi come la Corte penale internazionale, le procedure speciali e gli organismi dei trattati delle Nazioni Unite e i meccanismi regionali dei diritti umani rischiano di essere compromessi a causa della loro dipendenza di bilancio dagli Stati membri. Rischiano inoltre di diventare impotenti quando le loro raccomandazioni non sono rispettate e non attuate dagli Stati membri, sulla base della loro sovranità.

Il populismo e il nazionalismo sono in aumento – usati come grido di richiamo dai leader politici che non sono riusciti a rispondere ai bisogni delle loro società, che sono conseguentemente colpiti da disuguaglianze socio-economiche fondamentali.

In occasione degli anniversari della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (10 dicembre 1948) e della Dichiarazione internazionale sui difensori dei diritti umani (9 dicembre 1998), lavoriamo insieme – sia i movimenti dei cittadini che le organizzazioni della società civile – per consolidare i tre elementi essenziali pilastri di un ordine pubblico globale basato sui diritti umani: la difesa delle norme universali sui diritti umani; la protezione dei difensori; e il rafforzamento di istituzioni indipendenti che monitorano l’attuazione dei diritti umani. Questo approccio su tre fronti comprende la bussola che dirige e ci mantiene sulla rotta per raggiungere società fiorenti in cui la dignità di ognuno è rispettata e sostenuta.


di emigrazione e di matrimoni

10 december 2019: the 71st anniversary of the International Declaration of Human Rights.

 The editorial written by Alice Mogwe, the president of FIDH. “The Stewards Of Our Collective Well-being”: Human Rights Defenders Remain Key To Fighting Inequalities

Alice Mogwe, FIDH President

Popular uprisings are occurring in all regions of our world. Although seemingly disparate and unconnected, these movements are united in their rejection of an elitist socio-economic model which enables inequalities, corruption, discrimination, abuses of power and violations of human rights. In response, these movements call for building societies which are more resilient, inclusive, respectful, and equitable,so that communities and people may thrive. This ambitious vision strives to prevail in a world marred by racism, hate speech, bullying and the existential threat of climate change.

These popular uprisings are expressions born of lived experiences of exclusion. Generally not structured around an ideology or political party, they transcend existing political movements. They provide a voice for those who have felt silenced and excluded by systems of governance. We must pay tribute here to the courage of the women, men and others, both young and old, who have taken to the streets, in many cases, in countries where the right to demonstrate or the right to claim rights are contested and suppressed.

On 10 December, the anniversary of the adoption of the Universal Declaration of Human Rights (UDHR) in 1948, we reaffirm its significance as a benchmark against which we measure our achievements and challenges in our civil, political, economic, social, cultural and developmental spheres.

The UDHR also provides the necessary guidance for the resolution of these crises, through the respect and protection of particularly, the right to demonstrate; the right to freedom of expression; the right to equal protection of the law; the right to life, liberty and security of the person; the right to education, health care, food, housing and social security; equality between women, men and others; the right to be free from all forms of discrimination; the right to freedom of thought, conscience and religion; the right to due process and a fair trial; and the right not to be subjected to torture or to unlawful or arbitrary arrest or detention.

Human rights organisations around the world, are today, actively engaged in challenging this status quo by using the courts and functioning institutions of democracy; by denouncing violations of human rights; by increasing public awareness through the media; by using regional and international mechanisms – all aimed at seeking redress, enforcing decisions, and encouraging states to guarantee the protection of their citizens.


However, human rights defenders are increasingly targeted because of their work, through threats, smear campaigns, intimidation, harassment and enforced disappearances. In 2018, at least 318 human rights defenders were killed for defending rights. Reliable information has indicated that there have been reprisals against human rights defenders in for example, Turkey, where human rights and humanitarian organisations were shut down and human rights defenders arrested and imprisoned. In Honduras, as of early this year, more than 200 human rights defenders had been attacked.

In December 2018, on behalf of hundreds of human rights defenders who had met at the Human Rights Defenders’ World Summit in Paris in October 2018, I presented the Declaration of the World Summit of Human Rights Defenders to the United Nations General Assembly. Through it, we denounced how, around the world, those who defend the rights for all are intimidated, harassed, attacked, imprisoned or even killed. We called upon States “to recognise the essential role of human rights defenders, protect those at risk, and take concrete measures to foster a safe and enabling environment, including through adoptions of national action plans on the protection of human rights defenders”.

Over the past year, as popular uprisings have multiplied, repression against defenders has only increased, particularly in cases where human rights defenders have demanded social, economic or environmental justice. Yet, these defenders are the agents of change in and for our societies. They are the observers, the whistleblowers and the stewards of our collective well-being.

However, due to the state capture of independent regional and international investigative mechanisms and judicial institutions, the ability of defenders to protect human rights is curtailed. Bodies such as the International Criminal Court, the UN Special Procedures and Treaty Bodies, and regional human rights mechanisms, risk being compromised due to their budgetary dependence on member States. They also risk becoming powerless when their recommendations are not respected and not implemented by member States, on the basis of their sovereignty.

Populism and nationalism are on the rise — used as a rallying cry by political leaders who have failed to respond to the needs of their societies, which are consequently riven by fundamental socio-economic inequalities.

On the anniversaries of the Universal Declaration of Human Rights (10 December 1948), and of the International Declaration on Human Rights Defenders (9 December 1998), let us work together – both citizens’ movements and civil society organisations — to consolidate the three essential pillars of a global human rights-based public order: the defence of universal human rights standards; the protection of defenders; and the strengthening of independent institutions which monitor the implementation of human rights. This three-pronged approach comprises the compass which directs and keeps us on course to achieving thriving societies in which the dignity of everyone is respected and upheld.


 

Lascia un commento