TRANSIZIONI E PASSAGGI a cura di Hanna Laakso, Krista Mikkola e Riikka Vainio

By 13 marzo 2018Arte & Cultura

Martedì 23 marzo 2018 alle ore 12.00 all interno dello Spazio Cerere si terrà la mostra collettiva Transizioni e passaggi.

L’esposizione nasce dalla volontà di voler creare un trait d’union tra artisti finlandesi ed il mondo dell’arte della città di Roma. L’intenzione è quella di cercare delle relazioni reali tra il mondo della cultura finlandese e quello della città.

La mostra presenta un nutrito corpo di opere, dalla pittura al video, dalla fotografia alla scultura, proponendo risvolti contaminanti fra traiettorie astratte e immagini nitide che potranno dare una vista d insieme allo spettatore lasciando allo sguardo la possibilità di raggiungere un punto di prospettiva dove potersi affacciare, osservare e comprendere i punti di vista divergenti delle opere come in un coro che cerca una voce sola.

Hannu Palosuo diventa artefice di una moderna figurazione che rivela come una tematica ricorrente possa risultare di assoluta attualità. Sull’evocazione della memoria e del ricordo, l’artista erge a protagonista dei dipinti la quotidianità, con toni contrapposti ma concordanti per evidenziare il positivo e il negativo dell’immagine, la sua presenza e il suo vuoto.

 

Hannu Palosuo nasce nel 1966 a Helsinki in Finlandia. Nel 1989 è a Roma, con una borsa di studio, dove frequenta la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi “La Sapienza” con l’indirizzo di “Storia dell’Arte Moderna” e l’Accademia di Belle Arti. Attualmente vive e lavora fra Helsinki e Roma. Numerose sono le esperienze di lavoro artistico in Europa e nel mondo. Partecipa alla Biennale di Venezia del 2009 su invito della Repubblica Araba-Siriana realizzando “None of them is the truth”, un’installazione pittorica che ha ricoperto l’intero spazio a lui dedicato nell’intento di “inghiottire” lo spettatore all’interno del lavoro stesso. Alla Biennale di Venezia viene invitato anche nelle due edizioni successive; nell’edizione del 2013 i suoi lavori vengono esposti, all’interno della collettiva”Cara amica arte”curata da Duccio Trombadori.

 

Nanna Susi è una persona appassionata. È anche un’artista disciplinata, la sua ricerca della perfezione e la sua capacità di pittrice di camuffare l’architettura multidimensionale delle sue opere in una veste espressionista vivace. Per Susi, la pittura è un campo di esposizione per le energie e le correnti che costituiscono la vita.

 

Nanna Susi è un’artista finlandese contemporanea (nata nel 1967). All’inizio del 2000 ha vissuto e ha lavorato alcuni anni a Roma, in Italia. Attualmente si trova a Helsinki, in Finlandia e a Roma. Ha tenuto numerose mostre privati in giro per la Finlandia e l’Europa, e ha preso parte a mostre collettive su scala internazionale. Susi è stato esposto in una vasta mostra “Underneath the Eyes” presso l’Helsinki Art Museum (HAM) durante il periodo 2012-2013. I dipinti di Susi sono inclusi in molte collezioni finlandesi, ad esempio a Helsinki, nei musei d’arte di Tampere e Lahti, nel museo d’arte EMMA di Espoo, nelle collezioni della Fondazione KONE e in molte collezioni private e straniere.

 

Il colore di base di Katja Tukiainen è il rosa. Con le sue ragazze carine, forti e svelte, i colori ad olio brillanti e le pennellate eloquenti parla di cose serie. Proprio grazie a questa maniera cute che sussume la limitata autonomia del neo-pop europeo le strategie di appropriazione dello stereotipo che caratterizzano gli stessi Superflat ePop Surrealism si manifestano nuovamente. Dipinge i suoi slogan per cambiare il mondo e i suoi paesaggi da sogno per chiunque possa intervenire. La sua ricerca artistica si concentra sulla pittura narrativa nello spazio.

 

Katja Tukiainen conseguito lauree specialistiche presso l’Accademia di Belle Arti di Finlandia e l’Università di Arte e Design. Al momento sta lavorando con il suo dottorato in Visual Artist presso l’Accademia di Belle Arti di Helsinki. I suoi dipinti sono inclusi in molte collezioni prestigiose come la collezione del KIASMA Museum of Contemporary Art e la collezione Gösta Serlachius Fine Arts Foundation. Le sue opere sono esposte a livello internazionale dalla metà del 1990.

Leave a Reply

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]