Lidu onlus, una caduta di stile la pseudo satira di Gene Gnocchi

By 20 gennaio 2018Diritti umani

Le parole dello pseudo-comico nel programma Dimartedì di Giovanni Floris ai danni di Claretta Petacci sono una caduta di stile e di contenuti. La Lidu onlus si erge in difesa della dignità di una donna che perse la vita solo per amore

 

di Maria Vittoria Arpaia

*membro del Comitato Centrale della LIDU onlus

 

La battuta dello pseudo-comico che nella copertina del programma Dimartedì di Giovanni Floris in onda sul La7 il giorno 16.01.2017 ha esordito  con queste parole” il maiale tra l’immondizia a Roma é un maiale femmina. Si chiama Claretta Petacci” come da seguente link nel video: http://video.corriere.it/gene-gnocchi-il-maiale-l-immondizia-roma-si-chiama-claretta-petacci-esplode-polemica/84081a8c-fb6f-11e7-b641-cb41c1023d03 ha creato indignazione nell’opinione pubblica.

La LIDU come Organizzazione in difesa dei diritti umani, vuole difendere la dignità di una donna, Claretta Petacci, che ha compiuto un alto gesto d’amore ed é stata barbaramente uccisa.

Claretta Petacci era prima di tutto una donna innamorata che ha seguito il suo uomo fino alle estreme conseguenze. Un uomo politico sottoposto al giudizio della storia, ma che Claretta avrebbe comunque amato. Il suo é stato un atto di amore e di generosità che non merita l’accostamento della sua figura a una “maiala”.

Questa triste battuta non fa satira ma  evidenzia  una gravissima caduta di stile e di contenuti.  Notiamo inoltre come i mass-media e la politica sfruttino situazioni, come questa di Claretta Petacci, per farsi pubblicità.

Peccato che questa finta satira non gli sia riuscita!

2 Comments

  • MANLIO LO PRESTI ha detto:

    Condivido in pieno il contenuto dell’articolo!
    Anche il fronte cosiddetto “Progressista” che vuole dare lezioni di buonismo, rimane impigliato negli stereotipi maschilisti della donna maiala o peggio.
    Molta strada va ancora percorsa.
    Manlio Lo Presti

  • MANLIO LO PRESTI ha detto:

    Condivido in pieno il contenuto dell’articolo!
    Anche il cosiddetto fronte “progressista”, che è sempre pronta a bacchettare il mondo con lezione di buonismo, rimane ancora attaccato a stereotipi sulla donna maiala o anche peggio.
    Molta strada va ancora fatta!!!

Leave a Reply

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]