Al premio “Una Città che Scrive”, tra i vincitori un detenuto di Secondigliano ed un ragazzo dislessico

By 15 giugno 2017Diritti umani

Al premio letterario “Una Città Che Scrive” vince Giovanni Gallodetenuto nella Casa Circondariale di Secondigliano.

Una poesia straordinaria che è valsa il terzo posto nella sezione Poesie inedite. Un premio in danaro e la pubblicazione nell’antologia “Una Città che Scrive, Una Città che Rinasce”. Il premio è stato ritirato, nella serata del 27 maggio, da Samuele Ciambriello, giornalista e docente, promotore dell’iniziativa “Lettura libera” nei carceri napoletani con l’associazione “La Mansarda”. Ecco la poesia premiata: “Il mio sogno” Questa notte ti ho sognata, eri più bella che mai. Eri lì seduta, in riva al mare i tuoi capelli ondeggiavano nell’aria. Io ero lì, accanto a te. Le mie mani sfioravano il tuo bel viso. Ad un tratto i nostri sguardi si sono rivolti al cielo, con tante piccole stelle. Fra queste la più bella sei sempre tu Ti amo, orizzonte di Libertà. Giovanni Gallo Una vera e propria dichiarazione d’amore alla LIBERTÀ. Abbiamo raggiunto Giovanni Nappi, fondatore del Premio Letterario “Una città che scrive” e attuale Presidente del Consiglio Comunale di Casalnuovo di Napoli, per chiedergli il perché della scelta: “La mission del nostro concorso è stata, sin dalla sua nascita, quella di mettere in evidenza la forza della scrittura. La scrittura come riscatto sociale, personale o collettivo. Vince il detenuto, così come ha vinto Michelangelo, un ragazzo dislessico, e così come hanno vinto i nostri amici di Visso, abitanti nelle zone colpite dall’ultimo terremoto“. A Nappi chiediamo pure quando partirà il nuovo bando: “credo a settembre, con alcune novità e con la solita voglia di girare l’Italia e non solo, per far crescere sempre più questa comunità che scrive“.

Leave a Reply

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]